Non più solo Liguria, Abruzzo e Puglia, ma anche altre tre Regioni: il governo valuta la possibilità di allargare il numero dei territori coinvolti, rispetto alle indicazioni iniziali, nella sperimentazione dell’applicazione per il tracciamento dei contagi da coronavirus. Il rilascio dovrebbe avvenire nei prossimi giorni, a inizio giugno, ma si attende ancora il via libera del Garante della Privacy. Intanto però, dopo i malumori della Liguria, emergono altri dissensi da parte delle Regioni: il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, ha ritirato la disponibilità alla sperimentazione dell’app e ha spiegato le sue motivazione in una lettera da inviare alla Conferenza delle Regioni. “A quanto si apprende – dice Fedriga – Immuni prevederà non la ricostruzione della catena di contatti dei soggetti risultati positivi, come peraltro richiesto dalla Regione al fine di integrare in modo omogeneo il lavoro oggi svolto manualmente, bensì l’invio di un sms ai cittadini entrati a contatto con un contagiato.”

Perplessità che arrivano proprio alla vigilia del lancio dell’applicazione. “Siamo alle battute finali – aveva commentato appena un paio di giorni fa il ministro della Salute Roberto Speranza, ai microfoni di SkyTg24 – Abbiamo fatto un lavoro molto accorto e ci auguriamo che il massimo numero di italiani possa decidere volontariamente di scaricare questa app e sarà uno strumento in più, un pezzo di una strategia più complessiva del governo”. Nella stessa occasione aveva parlato di un “confronto in corso” con le Regioni. Tra le prime a dire di sì, la Puglia: “Potrà essere uno strumento a supporto delle attività di contact tracing svolte quotidianamente dai Dipartimenti di Prevenzione nella lotta all’epidemia da Covid 19″, ha spiegato il professor Pier Luigi Lopalco, coordinatore della task force regionale, in una nota. Contraria invece l’assessore alla Sanità ligure Sonia Viale. “Dopo gli opportuni approfondimenti, le decisioni circa Immuni verranno quindi prese con leale collaborazione istituzionale nel solo interesse dei cittadini della Liguria”, ha specificato poi una nota della Regione.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Comunità di Bose, era già tutto scritto

next
Articolo Successivo

Coronavirus, al Covid Hospital di Civitanova Marche due soli pazienti. Asl: “Ne arriveranno altri 7”. Ma nessun attuale ricoverato può essere trasferito. Ceriscioli: “Medici precettati? Unico modo senza volontari”

next