Pete Lau, amministratore delegato di OnePlus, azienda cinese produttrice di smartphone, divenuta famosa negli ultimi anni per i propri dispositivi caratterizzati da un vantaggioso apporto prezzo/prestazioni, ha dichiarato durante un’intervista che la società ha intenzione di tornare nuovamente ad abbracciare la strategia precedente, ovvero appunto lanciare smartphone con prezzi contenuti e specifiche interessanti.

Nel 2014, ad esempio, OnePlus One offriva delle caratteristiche di tutto rispetto e un prezzo inferiore ai 300 euro, quando un iPhone costava più del doppio. Inizialmente le caratteristiche non erano certo da top gamma, tuttavia OnePlus One, il primo modello, offriva un design curato, un display ampio, un processore dalle buone prestazioni, una fotocamera sodisfacente e, soprattutto, tanta tanta autonomia.

Anno dopo anno però il brand cinese ha deciso di alzare sempre più l’asticella del prezzo, fino ad arrivare alla serie attuale, in cui i nuovi top di gamma hanno un costo che oscilla tra i 700 e i 1000 euro, risultando così perfettamente in linea con i principali prodotti della concorrenza. Ora dunque l’intenzione di tornare alla vecchia ricetta. “In questo modo, più persone avranno accesso ai prodotti OnePlus”, ha spiegato Lau, che ha comunque commentato come l’attuale strategia non sia certo stata fallimentare, portando anzi l’azienda a posizionarsi quarta nel mondo per spedizioni di dispositivi, nella fascia degli smartphone con prezzo pari o superiore ai 400 euro, dietro solo a Apple, Samsung e Huawei.

I nuovi smartphone, non ancora annunciati, dovrebbero inizialmente sbarcare in India, già in estate, per poi espandersi anche nei mercati del Nord America e dell’Europa. Ricordiamo che la società si prepara a lanciare Z, un device di fascia media con forse il SoC Snapdragon 765. Inoltre, potrebbero presto arrivare degli smartphone di fascia bassa.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

LG Velvet, caratteristiche e prezzo del nuovo smartphone che sta per sbarcare in Italia

next
Articolo Successivo

Microsoft Surface Go, tablet da 10 pollici su Amazon con sconto di 110 euro

next