La Costa Rica diventa il primo Stato del Centroamerica a permettere i matrimoni gay: oggi è entrata in vigore una sentenza della Corte Suprema del Costa Rica, il più alto tribunale del Paese, che nel 2018 ha dichiarato “incostituzionale e discriminatorio” il divieto in vigore. I parlamentari avevano 18 mesi di tempo per abolirlo, modificando la legge, scaduti alla mezzanotte di oggi (le 8, ora locale).

Il presidente, Carlos Alvarado, ha annunciato che “le coppie dello stesso sesso e le loro famiglie avranno gli stessi diritti di qualsiasi altra coppia o famiglia in questo Paese. Insieme, sotto la stessa bandiera, costruiamo una nazione migliore“. Guardando all’intero continente sudamericano, la Costa Rica è il sesto Paese a rendere possibile i matrimoni tra cittadini dello stesso stesso: l’anno scorso è stata la volta dell’Ecuador, e di alcune parti del Messico.

I festeggiamenti previsti sono stati annullati a causa dell’epidemia di coronavirus: al loro posto, è stato trasmesso sulla tv pubblica e online un programma speciale sui diritti lgbtqi. Moltissime coppie hanno programmato le loro nozze – in forma privata e senza festeggiamenti, vista la situazione di emergenza – proprio per oggi. Come Alexandra, 29 anni, e Aritza, 24, le primissime a dirsi di sì, otto minuti dopo la mezzanotte davanti ad un notaio del distretto di Puntarenas.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Costa Rica, le nozze gay sono realtà: un’altra conquista per ‘il Paese più felice al mondo’

next
Articolo Successivo

Lombardia, nasce il registro dei piani di abbattimento delle barriere architettoniche: “Strumento per attuare la legge del 1989”

next