Da Roma a Firenze, da Milano a Bologna, da Genova a Napoli fino a Torino. Insegnanti, studenti, genitori, educatrici sono scesi in piazza sabato pomeriggio per chiedere l’”apertura delle scuole in presenza e in continuità da settembre”. Le manifestazioni sono state organizzate in 16 città italiane dal comitato “Priorità alla scuola“. “In oltre 350 hanno manifestato a Roma, 500 a Napoli e 200 a Faenza” spiegano dal Comitato. “L’istruzione è un diritto fondamentale sancito dalla Costituzione italiana, la scuola deve riaprire in sicurezza dando priorità alla didattica in presenza – sottolinea il comitato – A settembre, a ben sei mesi dalla chiusura, non si potrà più parlare di emergenza. La ‘didattica a distanza’ è la didattica dell’emergenza, non è possibile proporla come soluzione per il nuovo anno scolastico 20/21”.

“Le proposte che arrivano in questi giorni sono preoccupanti – spiega un’insegnante di Roma – La didattica a distanza lascia indietro gli studenti demotivati o con difficoltà di apprendimento”. Della stessa idea i manifestanti di Milano che ammettono di “non sapere nulla di sanità”, ma sostengono che “l’istruzione è un diritto fondamentale“. “Hanno cento giorni da qui a settembre per organizzare le scuole e metterle in sicurezza”, insistono. Anche a Torino la voce è forte e chiara: “Quello che vogliono fare a settembre deve essere sicuro fin da ora”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Università, il Covid rivoluziona l’insegnamento: lo ‘Screen new deal’ negli Usa è già cominciato

next
Articolo Successivo

Concorso docenti, nella notte trovato l’accordo nella maggioranza: “Si terrà dopo l’estate e con una prova scritta”

next