Una serie di messaggi minacciosi e diffamatori via Facebook contro Giorgia Meloni, inclusa l’assurda teoria che la figlia della parlamentare fosse sua. Raffaele Nugnes è stato condannato a due anni di reclusione dal Tribunale di Roma per stalking nei confronti della leader di Fratelli d’Italia. I giudici della prima sezione penale che hanno riconosciuto nei confronti dell’uomo un vizio parziale di mente, disponendo un terzo anno da trascorrere presso una residenza (Rems) per l’esecuzione delle misure di sicurezza.

“Io non l’ho mai incontrato – aveva raccontato la Meloni nell’udienza del 29 gennaio scorso – né a Garbatella né in altri posti di Roma. Ma dalla lettura di quei messaggi che mi sono stati segnalati la mia vita è cambiata“. L’uomo, originario di Caserta, era stato arrestato nel luglio scorso dalla Digos: prima dei domiciliari aveva ricevuto un foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno per due anni nella provincia di Roma, su provvedimento del Questore. Nugnes era infatti arrivato fino alla Capitale cercando di scoprire l’indirizzo della parlamentare. “Sentenza giusta – ha commentato il legale della Meloni, Urbano Del Balzo– che rispecchia quanto risultato dalla perizia psichiatrica che ho ritenuto di chiedere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Mafia, cade un altro pezzo di 41bis: per la Consulta è incostituzionale il divieto di scambio d’oggetti tra detenuti al carcere duro

next
Articolo Successivo

Gorizia, richiesta di archiviazione per l’ex prefetto nell’indagine sui centri migranti. Il pm: “Illeciti del tutto privi di fondamento”

next