Massimo duecento persone in sala, ambienti comuni dei campeggi disinfettati almeno tre volte al giorno, genitori che portano i bambini nei centri estivi al massimo nella ‘zona accoglienza’. Dai camping alle sagre, dall’attività all’aperto ai servizi per l’infanzia: la Conferenza delle Regioni ha integrato le Linee guida per la riapertura delle attività economiche e produttive, inserendo settori finora non disciplinati come lo sono stati ristorazione, stabilimenti balneari, palestre, piscine, negozi e mercati. Le nuove linee guida verranno ora inviate al governo per aggiornare il Dpcm. Ecco alcune delle regole previste settore per settore.

CAMPEGGI – Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso se superiore a 37,5 gradi; rispettare la distanza di almeno un metro nelle aree comuni; differenziare i percorsi; utilizzare sempre la mascherina fuori dalla piazzola personale; garantire la frequente pulizia e disinfezione di tutti gli ambienti e locali (almeno 3 volte al giorno per i servizi igienici comuni).

CINEMA E SPETTACOLI DAL VIVO – Almeno un metro di separazione tra gli utenti, sia frontale che laterale, tranne per i nuclei familiari; se possibile, accesso con prenotazione; obbligo di mascherina; Per spettacoli al chiuso, numero massimo di 200 persone, per quelli all’aperto 1000 persone.

AREE GIOCHI PER BAMBINI – Invitare il personale e i genitori all’auto-monitoraggio delle condizioni di salute; riorganizzare gli spazi per assicurare il mantenimento di almeno un metro di separazione tra gli utenti, ad eccezione dei componenti dello stesso nucleo familiare; la mascherina deve essere utilizzata da genitori, accompagnatori e dai bambini e ragazzi sopra i 6 anni. “Privilegiare mascherine colorate e/o con stampe”.

SERVIZI PER L’INFANZIA E L’ADOLESCENZA – Zona di accoglienza oltre la quale non sarà consentito l’accesso a genitori e accompagnatori; rilevazione quotidiana della temperatura corporea per tutti gli operatori, bambini, genitori/accompagnatori; favorire l’attività all’aperto.

SAGRE E FIERE – Ingresso se necessario contingentato; se possibile percorsi separati per l’entrata e l’uscita; possibilità di rilevare la temperatura corporea; tutti gli utenti e gli operatori devono indossare la mascherina.

ATTIVITÀ FISICA ALL’APERTO – Negli impianti sportivi occorre pianificare le attività in modo da evitare assembramenti; potrà essere rilevata la temperatura; distanziare attrezzi e macchine; il personale dovrà verificare e indirizzare gli utenti al rispetto di tutte le norme igieniche e di distanziamento sociale, disinfettare l’ambiente e gli attrezzi; non condividere borracce, bicchieri e bottiglie e non scambiare con altri utenti asciugamani, accappatoi o altro.

RIFUGI ALPINI – Accesso regolamentato e contingentato; evitare l’incrocio delle persone; dispenser con disinfettante per le mani; rispetto della distanza di un metro e uso delle mascherine all’interno; obbligo di usare la tovaglietta monouso per disinfettare il tavolo e le sedie; solo servizio al tavolo; aree esterne per pranzo al sacco con accesso limitato; prenotazione obbligatoria; niente scarponi nelle zone da notte ma ciabatte proprie.

NOLEGGIO VEICOLI – Consentire l’accesso al servizio solo con prenotazione; è raccomandata la rilevazione della temperatura; negli uffici mettere a disposizione soluzioni per l’igiene delle mani degli utenti; evitare assembramenti con percorsi guidati; uso obbligatorio delle mascherine nei locali chiusi; i mezzi noleggiati dovranno essere puliti e disinfettati prima della consegna; i clienti dovranno usare la mascherina.

INFORMATORI SCIENTIFICI DEL FARMACO – Il professionista informatore dovrà sempre provvedere ad adeguata igiene delle mani e all’utilizzo della mascherina.

CIRCOLI CULTURALI E RICREATIVI – Invio di informative agli iscritti sulle misure igieniche; privilegiare attività all’aria aperta e a piccoli gruppi; limitare lo scambio di giochi e attrezzature; possibile rilevare la temperature corporea all’ingresso.

FORMAZIONE PROFESSIONALE – Privilegiare, se possibile, l’organizzazione delle attività in gruppi il più possibile omogenei e solo in subordine promiscui; eventuali strumenti e attrezzature dovranno essere puliti e disinfettati ad ogni cambio di utente.

PARCHI DIVERTIMENTO – Prenotazione, pagamento ticket e compilazione modulistica preferibilmente on line; almeno 1 metro di separazione tra gli utenti,qualora venga praticata attività fisica almeno 2 metri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i dimenticati. Dai bambini esclusi dalla scuola online alla trans che “disinfetta i clienti”. Su FQ MillenniuM

next
Articolo Successivo

Ancona, la ‘prigione dorata’ dei 431 della Costa Magica in quarantena tra noia e ansie per il futuro: “Non scenderò, rischio il posto di lavoro”

next