“Fca e gli stabilimenti in Italia non devono chiudere. Ma, dall’altra parte, dovremmo essere tutti d’accordo che un’azienda che chiede l’80% di garanzie statali per prestiti miliardari deve evitare di distribuire dividendi nel resto d’Europa“. Inizia così l’editoriale di Peter Gomez durante l’ultima puntata di Sono le Venti, il programma di informazione sul Nove. I primi servizi sono stati dedicati proprio al caso del prestito da 6 miliardi con garanzia pubblica a Fca e allo scontro interno alla maggioranza tra Pd e renziani. Una vicenda che coinvolge anche il mondo dell’editoria e dei media. In particolare per la concentrazione proprietaria dei mezzi di informazione, come ricorda Gomez: “E’ meglio avere editori puri, invece che editori che hanno anche altri interessi. Berlusconi è capo partito e anche editore di Mediaset. Fca, grande gruppo con interessi economici nel settore delle auto, è anche editore di due giornali. Caltagirone, interessi nelle costruzioni, è anche editore di molti giornali”

SONO LE VENTI, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Politica campana e aerospazio: spunta un altro incontro tra Verde (Cira) e Caldoro a Roma. A procurarlo fu il deputato berlusconiano Sarro

next
Articolo Successivo

Una modesta proposta: perché non abolire le Regioni?

next