Si chiama “Plan S” il nuovo piano di Kia, marchio di proprietà del gruppo Hyundai. Trattasi di una strategia a medio-lungo termine che punta forte su elettrificazione, servizi di mobilità, connettività e guida autonoma. L’obiettivo del costruttore è quello di “passare da un sistema aziendale incentrato sulla produzione e vendita di veicoli a motore a combustione interna ad un modello aziendale sempre più focalizzato verso i veicoli elettrici e le soluzioni di mobilità alternativa”.

Target che appare compatibile con un mercato che sta cambiando e che vede crescere costantemente la richiesta di modelli ibridi ed elettrici. Tanto che nel primo trimestre del 2020 le vendite di auto a batteria della casa coreana sono cresciute del 75% rispetto al primo trimestre del 2019, toccando quota 6.811 unità e hanno rappresentato il 6% delle vendite totali europee dell’azienda, contro il 2,9% registrato nei primi tre mesi del 2019. Kia mira a raggiungere vendite annuali globali di circa mezzo milione di veicoli elettrici entro il 2026, con oltre il 20% delle sue immatricolazioni europee costituito da auto totalmente elettriche.

“Molte delle nuove automobili elettriche di Kia saranno offerte in Europa perché nel Vecchio Continente si assisterà a una forte crescita della domanda verso questo specifico segmento del mercato”, ha spiegato Emilio Herrera, Chief Operating Officer di Kia Motors Europe: “Il successo iniziale delle vendite della nostra attuale generazione di veicoli elettrici, rappresentati da e-Niro ed e-Soul, ci incoraggia e il fatto che siano stati ben accolti dagli acquirenti in tutto il continente è un messaggio a cui non possiamo non dare seguito. Negli ultimi cinque anni abbiamo registrato vendite crescenti delle elettriche Kia e i nostri modelli di prossima generazione accelereranno ulteriormente questa tendenza”.

Pertanto, la marca coreana prevede di offrire 11 veicoli elettrici nel 2025 a livello globale, in un’ampia gamma di segmenti con carrozzerie che spaziano dalle berline ai SUV e le monovolume. Senza contare che ogni nuova linea di modelli Kia lanciata nel vecchio continente offrirà almeno una variante elettrificata (mild hybrid, ibrido full hybrid, plug-in hybrid o elettrico puro EV). Il primo modello a zero emissioni costruito su una piattaforma specificamente progettata per l’elettromobilità arriverà nel 2021 è sarà un’innovativo crossover, capace di offrire un’autonomia di oltre 500 chilometri e tempi di ricarica di circa 20 minuti.

“Vogliamo offrire ai clienti europei il miglior rapporto tra qualità, prezzo e contenuti”, dice Pablo Martinez Masip, Director Product Planning and Pricing for Kia Motors Europe: “Ciò significa che alcuni modelli, in particolare quelli rivolti ad acquirenti più attenti ai costi, offriranno una capacità di ricarica di 400 V. Entrambi i sistemi possono essere caricati a casa o in colonnine pubbliche, quelli con ricarica a 800 V possono fare affidamento sulla ricarica rapida ad alta tensione per avere maggiore autonomia in minor tempo. La ricarica a 400 V invece, come già riscontrato nelle pluripremiate e-Niro ed e-Soul, consente comunque una ricarica rapida e rimarrà punto di riferimento in termini di versatilità per molti clienti che necessitano di una maggiore flessibilità in termini di ricarica. Insomma, stiamo cercando di offrire soluzioni pratiche per ogni esigenza di utilizzo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tesla, trimestrale in utile nonostante la crisi. E la Model 3 spopola in Europa

next
Articolo Successivo

Auto elettriche, Sir Dyson: “Continuare era rischioso. Gli altri le vendono in perdita”

next