I medici e ricercatori avevano mantenuto il riserbo su una possibile correlazione tra Sars Cov 2 e una rara patologia che colpisce i bambini: la malattia di Kawasaki. Ma le osservazioni dei camici bianchi dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo sono diventate pubbliche qualche settimana fa. Ora lo studio dei pediatri è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista The Lancet. Basato sulla descrizione di 10 casi osservati da febbraio ad aprile, di cui 8 positivi al virus come scritto dal Fattoquotidiano.it.

La ricerca evidenzia un’incidenza di trenta volte la media perché come si rileva nel paper le diagnosi in quell’area in 5 anni fino a febbraio scorso erano state 19, mentre ci sono stati ben 10 casi tra il 18 febbraio e il 20 aprile. Otto dei 10 bambini ammalatisi tra febbraio e aprile sono risultati positivi al coronavirus, ma gli autori ipotizzano che i due casi rimanenti siano in realtà dei falsi negativi (cioè il test di diagnosi per il Sars Cov 2 non ha funzionato su di loro). Inoltre rispetto alla casistica dei 5 anni precedenti, i 10 casi sono risultati in media più gravi, con più complicanze a livello cardiaco e anche l’età media dei pazienti è diversa dal consueto. In alcuni casi sono state necessarie “cure intensive”.

Gli autori affermano che i loro risultati rappresentano una associazione tra l’epidemia di coronavirus e una condizione infiammatoria simile alla malattia di Kawasaki nella provincia di Bergamo. Secondo i ricercatori i casi di malattia legati alla sindrome Covid sono da classificare come malattia ‘simile alla sindrome di Kawasaki’, perché i sintomi sono differenti e più gravi rispetto alla patologia come conosciuta finora. “Stiamo iniziando a vedere casi di pazienti che arrivano in ospedale con i segni della malattia di Kawasaki anche in altre aree duramente colpite dalla pandemia, come New York e l’Inghilterra Sud-Orientale – afferma l’autore principale del lavoro Lorenzo D’Antiga -. Il nostro studio fornisce la prima chiara evidenza di un legame tra l’infezione da Sars Cov 2 e questa condizione infiammatoria”. Almeno 100 bambini nello stato di New York sono affetti dalla rara e pericolosa sindrome infiammatoria come ha reso noto il governatore Andrew Cuomo martedì parlando di almeno tre bimbi morti, rispettivamente di 5, 7 e 18 anni. Metà dei casi riguarda minori tra i 5 e i 14 anni. “Si tratta di una situazione molto inquietante”. I casi nella città di New York sono 52. Ma casi sono stati segnalati anche in Spagna, Francia e Svizzera. “Nella nostra esperienza – afferma un altro autore, Annalisa Gervasoni – solo una quota molto ridotta di bambini con Sars Cov 2 sviluppa i sintomi della malattia di Kawasaki. Comunque è importante capire le conseguenze del virus nei bambini, specie ora che i paesi si avviano all’allentamento delle misure di lockdown”.

Invita tuttavia ad evitare allarmismi Alberto Villani, membro del Comitato tecnico scientifico (Cts) e presidente della Società italiana di pediatria, secondo il quale il collegamento rischia di essere fuorviante: “Una cosa è la malattia di Kawasaki, che è una sindrome rara studiata da anni e che presenta precise caratteristiche, altra cosa – afferma all’Ansa – è questa sindrome iper infiammatoria acuta che si sta ora osservando e che potrebbe avere un collegamento con il Sars Co v2. Sono due condizioni diverse”. Fondamentale ora sarà approfondire gli studi: “Come Società italiana di pediatria e insieme all’Istituto superiore di sanità – conclude l’esperto – stiamo verificando i casi verificatisi in Italia“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parkinson, cellule neurali “su misura” per paziente. Dopo due anni “miglioramenti nel camminare e parlare”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, ‘non si può uscire dalla crisi con quel modello di sviluppo che ha contribuito a crearla’

next