Il governo e la maggioranza discutono dell’ipotesi di aprire alle visite e agli incontri tra amici , quindi non solo tra congiunti, e agli spostamenti nelle seconde case purché siano nella regione di residenza. L’ipotesi è sul tavolo in vista della scrittura del nuovo dpcm che dovrebbe dare il via libera alla riapertura di negozi, bar e ristoranti a partire da lunedì 18 maggio.

Innanzitutto, è questa l’ipotesi in discussione, con l’apertura delle attività al dettaglio prevista per la prossima settimana potrebbe essere eliminato il vincolo che consente gli spostamenti solo per far visita ai congiunti, oltre che per necessità, lavoro e motivi di salute.

Tuttavia sulla nuova norma, che consentirebbe di fatto agli amici di poter andare al ristorante o al bar, non c’è ancora accordo: alcuni ministri spingono perché resti l’obbligo di frequentare solo i congiunti. Se dovesse cadere il vincolo, quindi, cesserebbe dopo due mesi ogni limitazione agli spostamenti all’interno delle Regioni, in attesa del sì alla mobilità interregionale.

Come ha spiegato il ministro Francesco Boccia, questa possibilità dovrebbe essere introdotta dall’1 giugno, ma solo se saranno confermati i dati epidemiologici in miglioramento e le regioni rispetteranno i 21 standard fissati dal ministero della Salute. “E ogni caso sarà concessa solo tra aree a basso rischio“, ha precisato il ministro degli Affari regionali dopo l’incontro con i governatori.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, tutte le regole da rispettare per andare al mare quest’estate: la videoscheda

next
Articolo Successivo

Sassari, donna aggredita mentre faceva jogging e violentata. Arrestato un sedicenne

next