È costretto a rinunciare alle vacanze ma decide di pagare lo stesso la metà del prezzo previsto che viene donato ad un centro medico locale. Questa la vicenda di un turista olandese che aveva prenotato le ferie a Omegna (Verbano-Cusio-Ossola), a nord del lago d’Orta. L’albergatrice S. P. (non vuole essere citata per non farsi pubblicità) – dopo averlo ringraziato per il suo gesto – ha voluto infatti devolvere la somma a un’associazione benefica che l’ha spesa per acquistare un termoscanner.

Il ricercatore olandese: “Sono disposto a pagare metà della tariffa” – “Appena compresa la portata e l’estensione temporale della crisi dovuta al Covid-19 -, racconta la proprietaria a ilfattoquotidiano.it – abbiamo mandato una lettera a tutti i clienti avvertendo che non avremmo trattenuto nessuna penale per la cancellazione della prenotazione”. E tra di essi c’era anche un ricercatore del settore medico-sanitario in Olanda: “Lui ha inizialmente insistito per venire ugualmente sperando in una riapertura delle frontiere. Dopo qualche tempo, mi ha però riscritto dicendo di essere costretto a cancellare la prenotazione per lui e per la famiglia. Ha anche aggiunto di essere disposto a pagare metà della tariffa prevista”.

“Con i suoi 230 euro hanno potuto acquistare un termoscanner” – L’albergatrice ha a quel punto avanzato una controproposta: “Gli ho sottoposto l’idea di fare una donazione all’associazione locale Kenzio Bellotti che raccoglie fondi a favore delle famiglie in difficoltà e con disabili nella nostra provincia”. Raccolta che al momento include specialmente dispositivi medici per fronteggiare il Covid-19: “Con i suoi 230 euro hanno potuto acquistare un termoscanner per la Casa della salute di Omegna, un presidio medico permanente”.

“Questi soldi non fanno la differenza nelle difficoltà” – Insomma, come ha raccontato VerbanoNews, S.P. ha scelto di fare beneficenza nonostante la situazione molto difficile sul lago d’Orta: “Fino all’anno scorso abbiamo sempre lavorato e le strutture ricettive stavano crescendo di numero. Purtroppo, quest’anno è stata molto dura anche perché noi ospitiamo molti turisti stranieri. Ciò nonostante, questi 230 euro non avrebbero fatto la differenza in una situazione molto difficile. Ora speriamo davvero di poter accogliere il nostro cliente a settembre o a ottobre”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i ‘profeti’ che avevano previsto la pandemia virale

next
Articolo Successivo

Silvia Romano, contro l’odio la storia d’amore di Micaela

next