Mes? Le nuove regole che ha messo nero su bianco l’Eurogruppo sono molto convincenti, quindi credo che adesso la discussione coi 5 Stelle si possa fare più serenamente. Non si può continuare a chiamare ‘baco’ una farfalla, sono due cose diverse: possono diventare belle le cose che in partenza potevano sembrare brutte”. Sono le parole pronunciate ai microfoni di Inblu Radio dal capogruppo Pd alla Camera, Graziano Delrio, intervistato dalla giornalista Chiara Placenti.

“Noi eravamo tutti contrari al Mes con le sue condizionalità, come lo abbiamo conosciuto con la Grecia – continua – ma non è che adesso dobbiamo chiudere gli occhi. Si apre una linea nuova di credito, ed è un grande successo, con la sanità che ha un bisogno enorme di risorse: 36 miliardi di euro sono poco meno di un terzo del bilancio della sanità italiana. Non sono scherzi. Noi così possiamo fare veramente quel lavoro di investimento sulla sanità territoriale e sulla vicinanza alle persone. Quindi, abbiamo bisogno di sostegno in queste scelte nuove. Capisco chiaramente la prudenza degli amici del M5s, finché non vedranno il nero su bianco. Ma l’unanimità dell’Eurogruppo e dei capi di Stato delle nazioni europee mi sembrano due garanzie piuttosto serie”.

Circa le polemiche innescate dai parlamentari di Italia Viva, Delrio chiosa: “Le discussioni sono sempre utili quando servono a fare un passo avanti, ma diventano poco utili quando sono polemiche o tentativi di forzare le sensibilità degli altri senza un dibattito adeguato. Abbiamo visto che gli amici di Italia Viva, come quelli del M5s, hanno le loro idee. Noi abbiamo le nostre e si sta in coalizione per trovare i compromessi. Bisogna sempre ricordare che la parola ‘compromesso’ non è una brutta parola. Significa, infatti, ‘una promessa comune’. E la promessa che dobbiamo fare è quella di servire al meglio gli italiani e di non perderci in polemiche tra di noi”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Silvia Romano, lo Stato ha il dovere della trasparenza

next
Articolo Successivo

Concorsi pubblici, ministra Dadone: “Prove da dislocare sul territorio con piccoli gruppi di persone e tutti gli esami al computer”

next