Tensioni fra polizia e manifestanti davanti gli uffici della Prefettura di Cosenza. Un gruppo di persone, al rifiuto di poter parlare con il prefetto Cinzia Guercio, ha tentato di lanciare delle cassette della verdura vuote nell’atrio di Palazzo degli Uffici, in piazza 11 Settembre. Circa 50 i manifestanti che denunciano gravi ritardi nell’erogazione dei sussidi, compresi i buoni spesi. “Affitti, bollette, reddito, cassa integrazione, partite Iva, posti di lavoro. Vogliamo risposte”, si legge nello striscione che hanno appeso davanti alla sede della Prefettura. In piazza anche commercianti che lamentano l’assenza di misure reali a garantire la loro sopravvivenza.

“Le cassette – spiega Ferdinando Gentile del comitato Prendocasa – simboleggiano le persone che non riescono più a fare la spesa. Assistiamo ad un balletto di ordinanze che interessa poco alle persone preoccupate da come dovranno portare il pranzo a tavola senza un centesimo in tasca”. “Non riusciamo neanche a capire se il Prefetto sia qui a Cosenza o meno, parla solo con le forze dell’ordine che denunciano noi anziché invece dei soci di cliniche private”, aggiunge Gentile. “La politica deve intervenire. L’emergenza sociale rischia di diventare problematica. Tante persone per vergogna non si mettono in prima linea come noi, ma la povertà si è allargata a fasce di popolazione inaspettate”, conclude.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto a Roma, nella notte la scossa che ha fatto tremare la Capitale: le immagini

next
Articolo Successivo

Coronavirus, videoconferenza Governo-Regioni su riaperture anticipate. Le nuove regole allo studio per ristoranti e negozi

next