Dodici ore. È questo il tempo che i medici avevano dato a Marilee Shapiro Asher, artista di 107 anni di Washington DC, quando è stata ricoverata per aver contratto il Covid-19. I primi sintomi, senso di stanchezza e affaticamento, si erano manifestati nel mese di marzo. A metà aprile sono arrivate poi le difficoltà respiratorie e alla vista. Marilee, però, non solo ha superato le dodici ore, ma è anche riuscita a guarire completamente dal coronavirus dopo pochi giorni di ricovero, senza mai aver mai bisogno del respiratore. Dopo una cura a base di antibiotici è potuta tornare a casa sua al Chevy Chase House, una struttura per anziani nella capitale americana.

Riportata dal Jerusalem Post, la sua storia non è solo sorprendente per il fatto di aver sconfitto il Covid-19 ad una età così avanzata (il coronavirus risulta essere particolarmente pericoloso per le persone anziane), ma per essere sopravvissuta alla seconda pandemia a distanza di un secolo dalla prima. Nel 1918, all’età di sei anni, Marilee infatti contrae la Spagnola, l’influenza che si diffuse in tre ondate tra la primavera del 1918 e l’inverno del 1919 facendo, secondo le stime, tra i 25 e i 50 milioni di morti nel mondo. Di quel periodo Marilee “ricorda – ha raccontato la figlia Joan Shapiro al quotidiano israeliano – di essersi ammalata ma quando vedeva suo padre, che adorava, sapeva che sarebbe andato tutto bene” .

Nata da una ricca famiglia di Chicago nel 1912, Marilee Shapiro Asher inizia a studiare scultura nel 1936, avvicinandosi poi alla pittura dopo essersi trasferita a Washington nel 1943 con il suo primo marito, Bernard Shapiro. La sua prima mostra personale si tiene alla American University nel 1947. Bernard Shapiro muore nel 1974 e quasi 20 anni dopo, all’età di 80 anni, Marilee si risposa con l’amico d’infanzia Robert Asher (morto nel 2008). All’inizio degli anni 2000 ha iniziato anche a fotografare in digitale, studiando arte digitale presso la Corcoran School of Art di Washington. Il suo lavoro è ora nelle collezioni permanenti dello Smithsonian e del Baltimore Museum of Art. Nel 2015 ha pubblicato un libro di memorie, “Dancing in the Wonder for 102 Years”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Trump e la retorica anti-cinese: la lite con Pechino (senza rompere) per nascondere la recessione nell’anno del voto

next
Articolo Successivo

Coronavirus, è morto a Madrid Billy el Niño, accusato di aver torturato centinaia di oppositori del regime di Franco

next