“Le plusvalenze oggi in Italia vengono tassate quando i beni sono venduti, perché nel passaggio avviene una monetizzazione. Ma dato che questa ricchezza esiste a prescindere dalla monetizzazione, si potrebbe immaginare di applicarle un prelievo che sia coattivo e non volontario”. Philip Laroma Jezzi, il professore italo inglese che con la sua denuncia, nel 2017, ha dato avvio all’indagine sulla concorsopoli universitaria di Firenze, spiega in questo video perché la proposta già formulata negli Stati Uniti e intorno alla quale è iniziato un dibattito andrebbe a vantaggio delle imprese. “Oggi è possibile volontariamente applicare un’imposta sostitutiva. Si potrebbe renderla obbligatoria ma a fronte di una sostanziale riduzione dell’aliquota. Per le imprese potrebbe significare una rivalutazione dei cespiti“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Modello Genova, con i superpoteri del commissario straordinario Bucci tutto è possibile

next
Articolo Successivo

Piano Sud 2030 e Recovery fund: speriamo che queste risorse siano cospicue e ben spese

next