La pandemia di Coronavirus sta incidendo sulle nostre vite in molti modi, soprattutto per quanto riguarda il prolungato lockdown, ovvero la permanenza forzata a casa, che sta spostando le nostre abitudini sul digitale, dalla spesa allo studio, dal lavoro alla socialità. Non potendoci frequentare di persona, ci siamo riversati in massa sulle app e così, mentre quelle per le videochat di gruppo come Zoom, Google Meets o Microsoft Teams conoscono un improvviso successo, anche MatchGroup, leader delle app per incontri e possessore di Tinder – la più famosa tra le app di questo tipo – pensa all’implementazione di una funzione di videochat, rivoluzionando il corteggiamento ai tempi del Coronavirus.

L’annuncio arriva direttamente dall’azienda, all’interno del documento diretto agli azionisti. “Dato che i daters hanno manifestato forte interesse per gli appuntamenti in video, i nostri team di tecnici e di prodotti in tutto il mondo si sono mobilitati rapidamente per implementare le funzionalità di chat video uno-a-uno su molte delle nostre piattaforme”, si legge infatti nel documento ufficiale.

La novità comuqnue non riguarderà soltanto Tinder, che del gruppo è la punta di diamante, ma anche molte delle alte 45 app di incontri parte del gruppo, come OkCupid, Hinge, Match.com e PlentyOfFish. Su quest’ultima piattaforma in particolare, MatchGroup ha anche implementato la funzione uno-a-molti, per consentire agli utenti di connettersi e formare comunità virtuali, a quanto pare con tassi di adozione dello streaming live che hanno superato ogni aspettativa.

Matchgroup ha poi anche divulgato una serie di dati, da cui si evince un significativo aumento delle attività degli utenti, soprattutto di quelli con meno di 30 anni, in questa prima parte di 2020 caratterizzata da pandemia e lockdown, con una crescita del numero di messaggi scambiati e della durata delle conversazioni. Stare a casa insomma non farebbe diminuire il desiderio di incontrare l’anima gemella, anche solo virtualmente, anzi. “Trova, chatta incontra”, recita lo slogan di Tinder. Almeno virtualmente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Surface Go e Surface Book 3 ufficiali, tablet e portatile di casa Microsoft si rinnovano con più potenza

next
Articolo Successivo

Motorola Edge, arriva in Italia lo smartphone di fascia media dal caratteristico display senza bordi

next