Mentre la Commissione europea mette a punto nuove modifiche temporanee al quadro regolamentare sugli aiuti di Stato, preparandosi ad ammorbidire ulteriormente i paletti, il vicepresidente della Bce Luis De Guindos dà voce alla preoccupazione di tutti i Paesi dell’Europa del Sud. Cioè che la grande disponibilità di risorse del Nord Europa distorca la concorrenza, avvantaggiando in primo luogo le imprese tedesche a scapito di quelle che hanno sede in Stati più indebitati e con vincoli di bilancio più stringenti. La Germania dall’inizio della pandemia ha chiesto e ottenuto l’autorizzazione a concedere circa 1.000 miliardi di aiuti alle sue aziende, il 52% del totale europeo.

Gli schemi nazionali di aiuti di Stato “sono i benvenuti” per combattere la crisi economica provocata dal Covid-19, ha detto De Guindos in audizione on line davanti alla commissione Econ del Parlamento Europeo, a Bruxelles. Tuttavia “le differenze nella loro dimensione e nella loro strutturazione potrebbero distorcere la concorrenza, dato che non sono stati sufficientemente coordinati a livello europeo“. Per questo “Andando avanti, un approccio europeo è importante, per assicurare parità di condizioni ed evitare la frammentazione e il riemergere del circolo vizioso banche-titoli di Stato“, alimentato dalle garanzie pubbliche sui prestiti.

De Guindos ha anche commentato la pesante sentenza della Corte costituzionale tedesca sul quantitative easing, secondo cui l’Eurotower deve dimostrarne la proporzionalità con una sorta di analisi costi-benefici. “Nel caso della Bce la valutazione della proporzionalità è continua. Se guardiamo ad esempio alla revisione sulla stabilità finanziaria cerchiamo di valutare continuamente gli effetti collaterali delle nostre politiche. Dopo aver analizzato tutti gli elementi e tutte le informazioni – ha sottolineato De Guindos – prendiamo una decisione e quando lo facciamo è perché i vantaggi di una certa politica sono superiori agli effetti negativi. Non lavoriamo in una torre d’avorio“.

In ogni caso, “la Bce è sotto la giurisdizione della Corte di giustizia dell’Ue” e anche dopo la sentenza “rimane pienamente impegnata a compiere il suo mandato”, nella totale “indipendenza delle sue decisioni. Useremo tutti gli strumenti” a disposizione “per compiere il nostro mandato”. De Guindos ha anche sottolineato che “sono due i principi generali che orientano l’azione della Bce. Il primo è la stabilità dei prezzi, che è chiaramente ancorata nei Trattati, e faremo tutto il necessario per adempiere questo mandato. Il secondo – ha aggiunto – è l’indipendenza dai governi e dalle lobby“.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Bce deve procedere: la Consulta tedesca non è onnipotente

next
Articolo Successivo

Mes, Commissione Ue chiarisce la proposta all’Eurogruppo: “Monitoraggio su spese sanitarie, nessuna sorveglianza o correzione conti”

next