Stiamo attaccando dalla Colombia, ci serve il vostro aiuto”. In un video l’ex ufficiale della Guardia Nazionale venezuelana, Javier Nieto Quintero e l’ex ‘Green Beret’ Usa, Jordan Goudreau, hanno annunciato l’avvio della “Operation Gideon” per far cadere il governo di Nicolas Maduro. L’obiettivo, stando ai due militari, è quello di catturare alti funzionari del governo. “Unitevi a noi”, hanno detto rivolti ai soldati venezuelani.

Goudreau ha parlato al Washington Post. L’ex membro delle forze speciali, 43enne, reduce dalle guerre in Iraq e Afghanistan ora titolare di una società di sicurezza in Florida, ha spiegato che l’operazione coinvolge 60 militari, infiltrati in Venezuela via terra e via mare. Al momento ci sarebbero già stati scontri a fuoco a Caracas, scrive il quotidiano statunitense.

Il governo di Maduro ha affermato di aver sventato ieri all’alba una tentata invasione via mare del Paese, dopo che le forze di intelligence hanno scoperto il complotto e condotto un agguato contro gli aggressori, catturandone o uccidendone una decina. Juan Guaidò ha definito la vicenda “una montatura della dittatura per continuare la persecuzione delle forze democratiche in Venezuela”.

Anche Washington ha espresso scetticismo: “Il regime di Maduro ha costantemente usato la disinformazione per spostare l’attenzione dal malgoverno del Venzuela”, si legge in una dichiarazione del dipartimento di Stato. Diosdado Cabello, presidente dell’Assemble Costituente controllata da Maduro, afferma che uno dei due arrestati è un venezuelano che ha detto di aver lavorato per la Dea, l’agenzia anti droga Usa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus in America Latina: cronaca di un disastro annunciato

next