La ricerca per trovare una terapia contro Covid 19 non si ferma. Le cellule staminali adipose potrebbero essere usate per la terapia della patologia scatenata dal virus Sars Cov 2. Lo suggerisce uno studio a guida italiana pubblicato dalla rivista Aging Disease.

“Il punto di forza di tale scoperta – spiega Pietro Gentile docente di Chirurgia Plastica e Ricostruttiva presso l’Università Tor Vergata di Roma, è rappresentato dalla possibilità di somministrare ai pazienti una sospensione per via endovenosa e/o inalatoria (areosol) di cellule staminali mesenchimali di derivazione adiposa, che attraverso le loro proprietà antinfiammatorie e immunomodulatorie, dimostrate scientificamente, aiutano a combattere gli effetti del virus”.

Ad oggi, spiega Gentile, risultano pubblicati al mondo solo sette articoli scientifici relativi alla possibilità dell’impiego terapeutico di questo tipo di cellule in pazienti affetti da Covid 19. L’ipotesi , conclude il comunicato dell’università apre un nuovo scenario terapeutico che potrebbe consentire la donazione e l’utilizzo delle cellule presenti nel tessuto adiposo di tutti noi come farmaci per terapie avanzate.

Lo studio su Aging Disease

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’agenzia europea del farmaco avvia valutazione rapida del remdesivir

next
Articolo Successivo

Coronavirus, come funziona il remdesivir: “Così il farmaco contro Ebola inibisce la replicazione di Sars Cov 2”

next