Per riaprire i battenti la ristorazione dovrà aspettare il primo giugno. In regioni come la Lombardia, significa sopravvivere a tre mesi di inattività. A rischiare di non farcela sarebbero 320mila locali, secondo Filiera Italia, fondazione del Made in Italy agroalimentare. In termini di posti di lavoro, parliamo di un milione e 200mila persone. Fipe-Confcommercio stima che il settore potrebbe lasciarne a casa fino a 300mila. Ma non bisogna pensare che a rischiare sia soltanto chi non ha le spalle larghe. Con i costi fissi inalterati o nel migliore dei casi rinviati, qualche mese senza incassi basta per mettere in ginocchio la maggior parte delle attività. Pasquale Pometto è proprietario di cinque pizzerie a Milano. Maestro pizzaiolo, già campione d’Italia e pluripremiato anche all’estero, le sue pizzerie sono sempre in cima alle classifiche di Tripadvisor. E ci lavorano più di 40 dipendenti. Ma l’ultimo locale, aperto appena un anno fa a due passi dal Duomo, ha già deciso di chiuderlo. “Per contenere i danni, è impossibile sostenere i costi”, spiega nell’intervista rilasciata a Sono le Venti, in un servizio di Franz Baraggino. Ma anche gli altri sono a rischio: “Io lavoro molto con i turisti, che non rivedremo a breve. E se devo applicare le regole del distanziamento è inutile riaprire”.
SONO LE VENTI, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primo maggio, le storie dei lavoratori “essenziali” che non si sono mai fermati. “All’ipermercato code da record, ma ora ci mettono in cassa”. “Smistiamo i vostri pacchi: un collega è morto, 40 sono contagiati”

next
Articolo Successivo

1 maggio, buon precariato a tutti!

next