Non so se sia ancora in commercio “Il Sapientino”, un gioco per piccini vispi. Vista l’emergenza e i numerosi intelligentoni che giudicano ogni giorno, ogni minuto, ogni dettaglio, si potrebbe ampliare la fascia d’età del gioco Clementoni e realizzare “Il Sapientone”.

Mai come in queste ultime ore abbiamo la possibilità di illustrare una enorme casistica di sapientoni che danno lezione di buon governo a Giuseppe Conte. Vero: è del tutto certo che Conte non sia Mandrake. E’ anche sicuro che dalla sua bocca escano parole indefinibili, misteriose quanto il virus, e che sugli “affetti stabili” (fidanzati del cuore? Amori trascurati ma resistenti al tempo? Affetti occasionali ma focosi e operosi?), enorme letteratura nelle ultime quarantotto ore si è prodotta.

Fatta dunque la tara Conte, resta indenne il quesito che rivolgiamo al popolo dei Sapientoni. Al Sapientone 1, cioè Matteo Renzi, avanziamo questa domanda: premesso che è indiscutibile la compressione delle libertà e dei diritti fondamentali, illustri una modalità alternativa di contrasto al virus senza intaccare le libertà e i diritti fondamentali. Il Sapientone 1 teme che di questo passo Conte ci porti alla “carneficina economica”, gli scienziati invece affermano che il libera tutti già a giugno ci porterebbe a una “carneficina” tout court (“150 mila nuovi ricoverati in terapia intensiva”, una valanga di nuovi morti). Ci spieghi quale delle due carneficine è dunque augurabile. Cambiare Conte, formando un governo con tutti i Sapientoni disponibili (Salvini? Meloni? Berlusconi?) per far ripartire il Paese oppure cambiare gli scienziati troppo apocalittici? O anche – visto che ci siamo – cambiare sia il governo che la scienza?

Esiste, è vero, una terza ipotesi: non cambiare né Conte e né i virologi ma chiedere lumi direttamente al virus.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’allergia di Carlo Bonomi per le lentezze dello Stato. Il sistema di elezione a presidente di Confindustria invece?

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il pigiama party della Lega al Senato e l’ordinanza nottetempo della Santelli: obiettivo centrato: rendere ridicola la tragedia

next