A causa dell’emergenza sanitaria, i distretti a luci rosse olandesi hanno chiuso a fine marzo. La riapertura per il momento è fissata al 1 di giugno. L’ong Protection4kids, impegnata contro la tratta di persone, ha portato avanti un’indagine telefonica, per raccontare come il lavoro sessuale stia continuando da casa nonostante l’emergenza sanitaria.

“Sul campione di prostitute contattate, quelle che ci hanno risposto al telefono stavano lavorando da casa. Una sola ragazza si è detta preoccupata per il coronavirus, ma quando le abbiamo chiesto se pagando un extra sarebbe stato possibile essere ricevuti, ci ha detto di sì”, spiega l’ong . “Questo deve far capire perché continuano a lavorare esponendosi al contagio: non è assolutamente facile ricevere gli aiuti statali”.

Il Governo olandese ha lanciato delle misure a sostegno del lavoro autonomo, tra cui anche quello sessuale. “In questo momento le prostitute sono senza lavoro e senza altre fonti di reddito”, dichiara una collaboratrice del Centro di informazione per la Prostituzione di Amsterdam (PIC). “I fondi del governo sono molto difficili da ottenere a causa della documentazione ma anche dello stigma sociale, legato alla prostituzione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, “in Spagna oltre 15mila morti nelle case di riposo”. E scattano le inchieste. Il sindacato: “C’è stata assenza di protezioni”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Bill Gates: “Se le ricerche sul vaccino risulteranno efficaci, le finanzierò io”

next