Milano, come le altre città italiane, si dovrà organizzare per la ripartenza e in questa fase il tema più “delicato” sarà quello della mobilità. Il sindaco Giuseppe Sala lo ha ribadito nel video postato sulle sue pagine social, nel quale ha fatto un esempio di come cambierà il trasporto pubblico nel capoluogo lombardo. “Alla stazione della metropolitana di Cadorna in condizioni normali noi facevamo entrare 6mila persone all’ora al mattino, con le misure che oggi ci indicano ne faremo entrare probabilmente 1500, cioè il 25% – ha detto – e tra l’altro potremo farne entrare, per poi disporre bene gli utenti sulle banchine, 75 alla volta. Non se ne esce, se non si trovano altre formule – ha concluso Sala – quindi anche l’idea di parlare di piste ciclabili non è una scelta ideologica, ma è una scelta di visione e anche di necessità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, è il giorno della cabina di regia tra governo ed enti locali su Fase 2. Regioni, Comuni e Province: “Indicazioni chiare su trasporti e uffici”. Decaro (Anci): “Bisogna definire capienza su metro e bus”

next
Articolo Successivo

La vicesindaca leghista di Rivoli: “Bella Ciao? Una canzoncina, mi ha fatto andare di traverso il pranzo”

next