“Aveva questa grande capacità di trovare soluzioni ai problemi. Ci arrivava con una sorta di pensiero laterale. Magari qualcuno gli chiedeva un consiglio per una questione su cui stava riflettendo da giorni. Lui ascoltava, e diceva la sua. Dall’altra parte la reazione era sempre la stessa: ‘Come ho fatto a non pensarci prima?’”. Sabrina Ravaglia, neurologa dell’Irccs Fondazione Mondino di Pavia, ricorda così Arrigo Moglia. Hanno lavorato insieme per oltre vent’anni. Voce autorevole nel campo della ricerca italiana e internazionale, Moglia è stato per anni ordinario di Neurologia all’università di Pavia e direttore del dipartimento di Fisiopatologia dell’istituto Mondino.

Era arrivato nel pavese da Biella, per studiare Medicina. Si era laureato nel 1972 e della stessa facoltà è stato in seguito preside vicario, dal 2005 al 2010. Da poco in pensione, è morto a 73 anni dopo aver contratto il coronavirus. È stato autore o coautore di centinaia di pubblicazioni scientifiche. “Ci siamo conosciuti quando io ero specializzanda, e poi siamo sempre rimasti in contatto durante tutto il mio periodo universitario. Era il mio mentore”, ricorda la dottoressa Ravaglia. “Parlava sempre guardando le persone negli occhi e cercava di mettere ognuno a proprio agio”. Ogni tanto non ci riusciva. Una volta una specializzanda scoppiò a piangere dopo una sua critica, durante un convegno. Moglia, spiazzato e imbarazzato, cercò di sdrammatizzare con una battuta: “Ma sono vent’anni che non faccio piangere una donna!”.

Con i colleghi mostrava un’ironia attenta. Mai sarcastica o pungente, sempre leggera. La usava per creare armonia all’interno dell’ambiente di lavoro e per districarsi nel difficile mondo universitario. “Come insegnante era molto pratico. Trasmetteva la sua conoscenza della materia in modo molto diretto e sapeva distinguere fra cosa può servire e cosa no”. Rifletteva spesso: era un sostenitore delle decisioni prese a mente fredda, mai d’impulso.

Verso i suoi pazienti aveva uno sguardo particolare: “Spesso si tratta di malattie non curabili. Seguiamo il decorso con un attento monitoraggio. Soprattutto per questo motivo, lui teneva molto all’aspetto psicologico e si impegnava per lavorare sull’accettazione della malattia, un’operazione tutt’altro che semplice”, continua Ravaglia.

Quando veniva a sapere di qualche collega ricoverato, Moglia lo cercava al telefono per avere notizie, oppure andava a trovarlo e portava con sé un regalo. Spesso, un libro. Nel tempo libero che aveva a disposizione, cercava funghi e giocava a golf. Ma, soprattutto, sciava. Negli anni si era costruito la fama di essere imbattibile. Una volta un collega altrettanto appassionato lo seguì sfrecciando ad alta velocità fra le curve di una pista che gli sembrò interminabile. Arrivato alla fine, esausto, si ritrovò a pensare: “Grazie, Signore, per avermi fatto portare le gambe a casa”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, 260 nuove vittime: è il dato più basso dal 15 marzo. Curva al minimo, ma Milano in controtendenza con +463 contagi

next
Articolo Successivo

Coronavirus, addio al giornalista sportivo Stefano Montomoli: è stato la storica voce radiofonica del calcio a Siena

next