La prima vittima da Covid-19 residente nella città di Siena è la persona che più di ogni altra ha saputo raccontare la passione per la Robur Siena, la squadra di calcio locale. È morto domenica 3 maggio, a 69 anni, Stefano Montomoli, voce storica della città, prima sulle frequenze di Antenna Radio Esse e poi su quelle di Radio Siena Tv. Emittente, quest’ultima, di cui è stato anche direttore responsabile fino al 2013. Il giornalista era ricoverato da un mese nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale delle Scotte di Siena.

Giornalista pubblicista nato nel 1951, Montomoli era un punto di riferimento per il mondo che ruota attorno alla squadra toscana, attualmente nel girone A di Lega Pro ma con un passato importante in massima serie dal 2003 al 2013. Dipendente per la Sclavo Diagnostics International – società italiana che sviluppa, produce e commercializza reagenti e strumenti diagnostici in vitro per chimica clinica – fino alla pensione, oltre all’attività radiofonica è stato una firma di punta sulle pagine sportive del Corriere di Siena. Insieme ai colleghi Piero Ruffoli e Giuliano Garosi, ha narrato per trent’anni i campionati della squadra bianconera. Fino alla stagione 2017/2018.

“Per noi – dichiara il direttore di Radio Siena Tv Matteo Borsi a ilfattoquotidiano.it – è stata una notizia terribile. Sapevamo che era stato ricoverato per il coronavirus. È sempre stato una persona uno su cui si poteva contare. Era una persona schiva, ma con noi aveva un bellissimo rapporto. Ha lasciato un vuoto importante”. “Stefano – continua – è stato uno dei primi a fare le radiocronache per la Robur Siena. Le ha fatte per quasi trent’anni. Era un grande appassionato e non risparmiava mai consigli ai collaboratori. Un vero punto di riferimento”

Montomoli è stato ricordato anche dalla Robur Siena attraverso una nota ufficiale: “La società esprime un profondo cordoglio per la scomparsa di Stefano Montomoli, giornalista e grande tifoso della Robur, storico commentatore televisivo e radiofonico delle vicende bianconere ed in passato anche addetto stampa dell’Ac Siena. Dalla presidente Anna Durio, e dalla società tutta, sentite condoglianze alla famiglia e agli amici di Stefano”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, addio al neurologo Arrigo Moglia. “Parlava guardandoti negli occhi. Con i pazienti lavorava sull’accettazione della malattia”

next
Articolo Successivo

Angelo Rottoli, il pugile morto dopo la mamma e il fratello. Fu il Bell’Alì di Bergamo, il suo maestro: “Astuto sul ring e buono di cuore”

next