Il contact tracing, e cioè il tracciamento dei contatti, sarà una misura fondamentale per “alleggerire il contenimento” perché, come ha spiegato il commissario Domenico Arcuri in conferenza stampa nella sede della protezione civile, “significa essere in grado di mappare tempestivamente i contatti delle persone”. Il commissario ha poi assicurato che la applicazione che traccerà i contatti dovrà rispondere a due requisiti fondamentali: sicurezza e privacy e che in alcun modo sarà obbligatoria, ma scaricabile su base volontaria. “La privacy e la riservatezza dei dati – ha spiegato – sono diritti inalienabili ed irrinunciabili”. Dunque “non sarà da parte mia possibile allocare queste informazioni in un luogo che non sia un’infrastruttura pubblica e italiana”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il commissario Arcuri: “Fase 2? Alternativa alla app è ancora la privazione della libertà. Obbligatoria o non si esce? Falso”

next
Articolo Successivo

Salvatore Mancuso, il mio ricordo del finanziere gentiluomo. Beato chi finiva in lista a Natale!

next