“Venerdì sarà una giornata di mobilitazione per i Friday for Future, che spero serva in prospettiva per guardare alla ripartenza in un’ottica di sostenibilità ambientale“. Lo ha spiegato in un’intervista all’Ansa Andrea Minutolo, responsabile tecnico scientifico di Legambiente, parlando del possibile impatto ambientale dell’epidemia. Uno dei nodi è legato alle mascherine e ai guanti in plastica. “Il rischio principale”, sottolinea Minutolo, “è il cattivo smaltimento. Abbiamo notato infatti che c’è un rischio di dispersione ambientale importante, non tanto per il numero di questi dispositivi, ma per le cattive abitudini delle persone”. Un commento finale è dedicato all’ipotesi circolata nei giorni scorsi di montare dei box in plexiglass sulle spiagge, così da garantire il distanziamento sociale: “Non ci abbiamo nemmeno riflettuto per quanto l’idea è folle e assurda

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono le Venti (Nove), Mercalli: “Che fine faranno le mascherine dopo l’uso? Rischiamo di avere una montagna di rifiuti, va organizzato riciclo”

next
Articolo Successivo

Il paesaggio con le catastrofi segna un prima e un dopo: una sfida epocale per gli urbanisti

next