Crolla a marzo il mercato europeo dell’auto. Nella regione EU+Efta+UK si sono registrate 853.077 immatricolazioni, ben il 51,8% in meno rispetto alle 1.771.030 dello stesso mese del 2019. Prendendo invece in considerazione il primo trimestre dell’anno, e ricordando che il mercato dell’auto era già in una fase di stagnazione a causa soprattutto della debolezza del canale privati, il calo è pari al 26,3%.

L’atteso effetto Coronavirus, dunque, è stato puntuale. Come spiega l’associazione continentale dei produttori Acea, la maggior parte dei concessionari del vecchio continente è rimasta chiusa (in Germania riapriranno la prossima settimana). Se a questo aggiungiamo le restrizioni alla mobilità e le conseguenze economiche dei lockdown più o meno graduali, una forte contrazione della domanda era inevitabile.

Il passo indietro ha riguardato un po’ tutti i mercati continentali, anche se quello italiano ha subito il contraccolpo più ingente: -85,4% con sole 28.326 vendite, mentre a marzo 2019 erano state oltre 194 mila. Seguono Francia (-72,2%), Spagna (-69,3%), Regno Unito (-44,4%) e Germania, dove tuttavia il calo è stato meno impattante (-37,7%). Trend confermato anche considerando i primi tre mesi dell’anno: Italia -35,5%, Francia -34,1%, Spagna e Regno Unito -31%, Germania -20,3%.

Per quanto riguarda i costruttori, il mese scorso Fca ha pagato il dazio più pesante con un -74,4% complessivo, figlio di un ridimensionamento generalizzato dei suoi marchi: Fiat -73%, Lancia -91,5%, Alfa Romeo -75,5%, Maserati -71,8% e Jeep -74,5%. Non molto meglio è andata ai francesi, con il gruppo Psa che ha perso il 66,9% e quello Renault il 63,7%. Battuta d’arresto, inferiore, anche per i tedeschi: gruppo Volkswagen -43,5%, gruppo Daimler -40,6% e gruppo Bmw -39.7%.

Per quanto riguarda gli altri, i coreani di Hyundai hanno perso il 48% mentre non è andata meglio ai giapponesi: Toyota -36,2%, Nissan -51,5%, Honda -60,6%, Mazda -62,6% e Mitsubishi -48,8%. Anche Ford ha fatto registrare un -60,9%, mentre Jaguar-Land Rover un -53,5% e Volvo -35,4%.

Come detto era una debacle prevista, ma non per questo è stata meno dolorosa. Non è un caso che a livello continentale si moltiplichino le richieste ai governi da parte delle associazioni di costruttori per sostenere un comparto, quello dell’automotive, che direttamente o indirettamente dà lavoro a 14 milioni di cittadini europei: incentivi all’acquisto, sgravi fiscali, sostegni alla filiera e ai concessionari, che solo nel nostro Paese sono 1.400.

Secondo Gian Primo Quagliano, del Centro Studi Promotor, in Italia è necessario un intervento forte: “Il modello sono i primi incentivi alla rottamazione che nel 1997 consentirono al mercato un incremento del 38,8%, un maggior gettito Iva che coprì il costo degli incentivi In Italia con un avanzo per l’erario di 1.400 miliardi di lire e un aumento del Pil, certificato da Banca d’Italia, dello 0,4%”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’allarme delle scuole guida: “E’ emergenza liquidità. Quando riprenderemo?”

next
Articolo Successivo

Dieselgate, Vw risarcisce clienti tedeschi con 620 milioni. In Italia chiesta l’archiviazione

next