Dopo il caso delle residenze sanitarie per gli anziani – dove sono stati registrati quasi 2mila decessi e sui ci sono diverse indagini in corso – un altro settore della strutture sanitarie con ospiti fragili dovrà essere affrontato. Quello che riguarda le Residenze sanitarie per disabili (Rsd) che sono il “nuovo fronte dimenticato di diffusione del Sars Cov 2″. La denuncia all’Ansa è del presidente della Associazione nazionale famiglie di disabili intellettivi (Anffas) Roberto Speziale: “In 17 delle Rsd che fanno capo all’Anffas (su un totale di 156) ci sono importanti focolai, con 57 soggetti disabili e 52 operatori contagiati, e 5 decessi tra gli ospiti disabili”. Nei giorni scorsi la cronaca aveva registrato la morte di 22 disabili psichiche in una struttura di Pontevico (Brescia.)

È “grave che ad oggi non sia stato fatto un censimento – afferma – come per le Rsa per anziani”. Un’indagine, come quella avviata per le Rsa, rileva Speziale, “è urgente, perché anche nelle Rsd vivono persone fragili e con multipatologie. Si tratta dunque di strutture che hanno analoghe criticità”. In tutta Italia, sottolinea, “sono circa 3mila le Rsd ma manca una ricognizione precisa e ufficiale, e sono circa 300mila gli ospiti con disabilità complesse che vi risiedono”.

È “ipotizzabile – afferma – che siano centinaia i morti per Covid nelle Rsd italiane, anche se non rientrano nelle classifiche ufficiali. Noi, come Anffas, abbiamo la conferma di 5 decessi nelle strutture da noi controllate, ma i morti sono molti di più sicuramente“. Per questo, è l’appello, “bisogna intervenire con urgenza perchè la situazione sta peggiorando e le Rsd rappresentano, purtroppo, una nuova frontiera del contagio”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, “Leo e Giulia”: ecco il cartone ideato dal San Raffaele di Milano per spiegare il Covid-19 ai bambini

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la Croce Rossa di Torino: “Non esistono più orari. Il momento più critico? Quando abbiamo trasportato un falso negativo”

next