Una parte dell’Italia non si è fermata e chiusa in quarantena. Non è in prima linea a combattere contro il coronavirus, ma comunque a forte rischio contagio. Come i rider che ogni giorno sono impegnati nelle consegne a domicilio, a contatto sia con i clienti che con i ristoratori. Per tutelare la salute e la sicurezza di tutti, il Comune di Milano, insieme all’assessorato alle Politiche del lavoro, Attività produttive e Commercio, ha quindi deciso di distribuire gratuitamente da oggi, martedì 14 aprile, mascherine e guanti a tutti i rider convocati a scaglioni per il ritiro.

I primi mille kit di sicurezza (5 mascherine e 5 paia di guanti) potranno essere ritirati allo “Sportello lavoro” di Viale Gabriele d’Annunzio 15 (ingresso da via Arena, passo carraio), dalle ore 9:30 alle ore 17. Per evitare qualsiasi assembramento, i rider verranno convocati in ordine alfabetico con quantità giornaliere definite in accordo con le principali aziende di food delivery operanti in città: si inizia oggi dai rider con cognome compreso tra la lettera A alla lettera E per proseguire, con lo stesso sistema, F-J mercoledì 15, e K-Z nei giorni successivi fino ad aver raggiunto tutti i 3 mila rider, indipendentemente dall’azienda per cui lavorano.

“Con questa iniziativa – spiega l’assessora alle Politiche per il lavoro, Attività produttive e Commercio, Cristina Tajani – vogliamo tutelare sia la salute dei rider che, con il loro lavoro, garantiscono la continuità del servizio di food delivery, ma anche quella dei cittadini e dei ristoratori. Un’attenzione – prosegue l’assessora – che vogliamo riservare proprio a quei lavoratori poco tutelati da un punto di vista contrattuale, che non possono pagare anche un rischio sanitario maggiore di altre categorie di lavoratori attivi nonostante l’emergenza”.

Nei kit messi a disposizione dall’Amministrazione, oltre ai dispositivi di protezione individuale, i rider troveranno anche un utile volantino informativo in italiano, inglese, spagnolo e francese con le principali indicazioni per affrontare l’emergenza Covid-19: come usare correttamente le protezioni, inviti ad evitare assembramenti durante le attese sia presso i ristoranti di ritiro sia nei luoghi di ritrovo, il rispetto delle distanze minime con gli operatori e i clienti finali, non toccarsi naso e bocca.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, 1 miliardo di mascherine e milioni di litri di gel per i lavoratori: i calcoli del Politecnico di Torino per la ripartenza

next
Articolo Successivo

Coronavirus, circoli milanesi di Lotta Comunista consegnano la spesa a casa dei più bisognosi: “Abbiamo 500 volontari”

next