Decine di rider che aspettano il treno suburbano, diretto nell’hinterland milanese o in province limitrofe. Tutti hanno la loro bicicletta e molti sono privi degli adeguati dispositivi di sicurezza. È quanto si vede nelle immagini pubblicate su Facebook dal collettivo di precari e fattorini attivi nel delivery food Deliverance che denuncia la situazione di “centinaia di ragazzi, migliaia, la maggior parte migranti, che tutti i giorni prendono un treno per venire a lavorare in città, per poi fare ritorno nelle loro case”. “Queste immagini parlano da sole – scrive su Facebook l’associazione – molti di loro non hanno nemmeno i dispositivi di protezione individuale, costretti a lavorare spesso al limite, al di sotto di ogni standard di salute e sicurezza, senza tutele e senza diritti“. Per questo, si legge, Deliverance ha chiesto un incontro tra le parti sociali. “Chiediamo che Assodelivery, Prefettura e le amministrazioni territoriali (Regione Lombardia e Comune di Milano) assicurino l’applicazione dei protocolli e che le nostre richieste, espresse nel documento “10 punti per un delivery al sicuro”, non cadano inascoltate”, scrivono infine.

Memoriale Coronavirus

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, come i bimbi vivono la quarantena e quali strategie per aiutarli: “Sono contagiati dalle emozioni degli adulti. Serve rassicurare senza nascondere la verità. E accogliere rabbia e disagio”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’emergenza affitti non può aspettare: serve una burocrazia più efficiente

next