Sono passati 11 anni da quel tragico 6 aprile 2009, quando LAquila si svegliò in piena notte con un sisma che distrusse l‘intera città. Alla 23.30, in piazza Duomo, è stato acceso un braciere, in ricordo dei 309 morti. Poi, il sindaco della città Pierluigi Biondi ha parlato nella Chiesa di Santa Maria del Suffragio: “Quella notte fu illuminata dalla luce degli angeli: i vigili del fuoco, i volontari, lo Stato che ci ha sostenuto. Ora come allora non siamo soli. Sono vicino ai sindaci d’Italia, in particolar modo a quelli più colpiti dal virus. A loro dico che nonostante il dolore devono avere speranza e trasmetterla ai loro cittadini per un futuro nuovo”. La popolazione è stata invitata a rimanere a casa per seguire le disposizioni del decreto per limitare il contagio da coronavirus.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, dai pangolini all’uso di bile di orso come cura: il traffico illegale che diffonde malattie infettive

next
Articolo Successivo

Le Messe sono un nutrimento. I parroci possono far rispettare le regole come al supermercato

next