Sono passati 11 anni da quel tragico 6 aprile 2009, quando LAquila si svegliò in piena notte con un sisma che distrusse l‘intera città. Alla 23.30, in piazza Duomo, è stato acceso un braciere, in ricordo dei 309 morti. Poi, il sindaco della città Pierluigi Biondi ha parlato nella Chiesa di Santa Maria del Suffragio: “Quella notte fu illuminata dalla luce degli angeli: i vigili del fuoco, i volontari, lo Stato che ci ha sostenuto. Ora come allora non siamo soli. Sono vicino ai sindaci d’Italia, in particolar modo a quelli più colpiti dal virus. A loro dico che nonostante il dolore devono avere speranza e trasmetterla ai loro cittadini per un futuro nuovo”. La popolazione è stata invitata a rimanere a casa per seguire le disposizioni del decreto per limitare il contagio da coronavirus.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, dai pangolini all’uso di bile di orso come cura: il traffico illegale che diffonde malattie infettive

next
Articolo Successivo

Le Messe sono un nutrimento. I parroci possono far rispettare le regole come al supermercato

next