Mentre la Cina riparte, Usa e Ue crollano senza paracadute. Le previsioni sull’impatto del coronavirus sulle economie mondiali vengono aggiornate ogni giorno e la forchetta resta ampia, ma una pesantissima recessione è sicura. E gli effetti sul mercato del lavoro sono già nei numeri: a marzo il tasso di disoccupazione degli Stati Uniti è salito al livello record del 4,4%. Un valore basso se confrontato ai livelli europei, ma per gli Usa è il più alto dalla fine degli anni Cinquanta, quando si attestava intorno al 3,5%.

Secondo Morgan Stanley, il 2020 segnerà per l’economia statunitense la peggiore recessione dal dopoguerra, con il Pil giù del 5,5%. La banca d’affari americana ha ridotto le previsioni del primo trimestre a -3,4% annualizzato, mentre nel secondo trimestre l’economia dovrebbe ridursi del 38%, rispetto a una precedente previsione di una contrazione del 30%. E la disoccupazione potrebbe toccare un picco record del 15,7% nel secondo trimestre. Più “ottimistiche” le stime di S&P secondo cui la contrazione del pil dovrebbe fermarsi all’1,3% e il tasso di disoccupazione raggiungerà il 10% nel secondo trimestre.

Intanto sull’altra sponda dell’Oceano il dato sull’indice pmi (purchasing managers index) composito dell’Eurozona, che monitora l’andamento dell’attività manifatturiera e dei servizi nell’Eurozona, è crollato a marzo ai minimi storici di 29,7, peggio della stima flash di 31,4. Un valore che fa temere una contrazione annuale del pil di circa il 10% “e che inevitabilmente andrà peggiorando nel prossimo futuro”, secondo Chris Williamson, Chief Business Economist di Ihs Markit che calcola l’indice. “Se i livelli occupazionali non sono ancora precipitati tanto quanto ai tempi della crisi finanziaria, nei prossimi mesi assisteremo senz’altro ad un forte incremento della disoccupazione, anche se i governi dell’eurozona stanno cercando di limitarne la portata”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prestiti alle imprese, l’Ue cambia le regole: “Ok a garanzie statali fino al 100%”. Patuanelli: “Nel prossimo decreto sfruttiamo questa chance”

next