Nonostante la quarantena imposta dal governo per fermare il contagio da Coronavirus, nelle prime due settimane di fermo almeno 6 italiani su 10 hanno effettuato spostamenti più o meno brevi e più o meno distanti dalla propria abitazione. Questo è quanto emerge dallo studio “Audimob – Stili e comportamenti di mobilità degli italiani” realizzato da Isfort (Istituto Superiore di Formazione e Ricerca per i Trasporti): l’indagine ha preso in considerazione il periodo del 12-26 marzo, cioè quello della prima fase di restrizioni contenute nel DPCM dell’11 marzo; dati poi confrontati con quelli osservati tra inizio febbraio e 11 marzo.

Durante le prime due settimane di lockdown, a livello nazionale il tasso di mobilità in senso stretto è risultato in calo di quasi la metà rispetto al periodo inizio febbraio-inizio marzo: dall’80% di prima, la percentuale di cittadini che hanno usato quattro e due ruote (queste sia motorizzate che non) per gli spostamenti di necessità è scesa al 43%. Al centro Italia è stato registrato il calo più significativo (-51%), mentre nel Sud e nelle isole non si è andati oltre il -30%, e stessa cosa è successa al Nord (-32%).

Osservando il fenomeno da un punto di vista anagrafico, invece, a fermarsi di più sono stati gli over 65: meno del 15% della popolazione di età compresa tra 65 e 80 anni ha effettuato spostamenti, anche se come è naturale il dato più alto ha riguardato i ragazzi soprattutto in età scolastica.

È cresciuta la percentuale di coloro che hanno effettuato spostamenti solo per brevi tragitti e senza usare mezzi di trasporto di alcun tipo (tasso di mobilità di prossimità): a livello nazionale, la media è salita dal 10% di febbraio-marzo al 18% del secondo periodo (12-26 marzo), ed è rappresentata da cittadini non oltre i 64 anni di età.

La somma del tasso di mobilità in senso stretto e di mobilità di prossimità è risultata in calo di circa il 30% (dal 90% al 61%): anche in questo caso, il calo è stato più netto nelle zone centrali del Paese con il -42%, mentre la situazione della mobilità nelle isole, nelle regioni del sud e del nord è rappresentata da un calo di appena il 25%.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Sicurezza stradale, un giorno in pista a Varano per imparare i segreti della guida

next