Minacciati e insultati perché tornati dalle “zone rosse” e qui, secondo molti, possibili portatori del virus. È quanto successo a molti volontari della Croce Rossa Italiana che nelle ultime settimane hanno prestato servizio nelle zone più calde per l’epidemia da coronavirus. Come è successo a Emilia Giovanni e Giovanni, rientrati dalla Lombardia a Taranto e subito messi in “auto-isolamento domiciliare, per precauzione”. “Abbiamo preso un appartamento – raccontano – Ma nel palazzo avevano paura. Ci hanno svegliato di notte dicendoci di vergognarci perché eravamo tornati per infettare”. Un episodio non isolato, come ha ricordato il presidente Francesco Rocca: “Vengono trattati come ‘untori’ e minacciati dai datori di lavoro di licenziamento o dai vicini di casa di ritorsioni – si legge in una nota – Questo stigma è intollerabile, assurdo e a dir poco autolesionista, visto che perpetrato ai danni di chi si prende cura di tutto il Paese senza sosta e con una tenacia incredibile”. Proprio per questo la stessa Cri già da alcuni mesi ha fatto partire la campagna “Non sono un bersaglio”, per sensibilizzare sul tema delle aggressioni agli operatori sanitari.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, 4.782 nuovi contagi: trend in leggero aumento al 4,5%. Sono 727 i decessi e 1.118 le persone guarite in 24 ore

next