Secondo il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, il ritorno alla normalità dopo l’emergenza dovuta al Coronavirus sarà possibile in modo graduale. “Capisco che è prematuro adesso immaginare, non sappiamo quando riusciremo a riaprire. Ma io non voglio che Milano sia impreparata quando si potrà, probabilmente saranno riaperture a tempi, a step. – ha spiegato nel video che ogni giorno posta sulle pagine social -. Sto lavorando su alcuni capitoli e ne cito tre”. Il primo è “come rimodulare le infrastrutture, da quelle di mobilità come le metropolitane, a quelle digitali per esempio la disponibilità di banda larga. Il secondo capitolo, come usufruire degli spazi pubblici, da San Siro, a un cinema e un teatro. – ha aggiunto -. Come si entra, come si esce, come si gestisce il momento in cui si è vicini. Non è semplice bisogna pensarci prima”.
Infine come far ripartire l’economia? “Io presumo che alle grandi aziende penserà il governo, – ha concluso – ma io mi devo occupare di quel piccolo tessuto economico e culturale che è in gran parte la vita di una città come Milano”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Zanda (Pd): “Se Ue non ci aiuta daremo in pegno gli immobili pubblici. Anche Montecitorio e Palazzo Chigi”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, altro che Mes. Dopo l’emergenza servirà una nuova costituente, come nel 1947

next