Tutti possono sbagliare, e avere, in questo periodo di quarantena obbligata, i capelli fuori posto. Anche il presidente della Repubblica. È il volto umano di Sergio Mattarella, immortalato in un video uscito per sbaglio sui canali social del Quirinale. Poco prima di diffondere il messaggio alla Nazione – l’ennesimo – che il capo dello Stato ha voluto mandare ai cittadini a causa dell’emergenza coronavirus, infatti, per un problema tecnico è stato pubblicata la registrazione integrale, compresi quindi fuorionda e parti tagliate. Era la prima volta che accadeva un errore simile.

Dopo poco dall’inizio della registrazione il presidente si interrompe. Prima di ricominciare però una voce fuori campo, quasi certamente di Giovanni Grasso, portavoce di Mattarella, suggerisce che i capelli sono fuori posto: “C’hai un ciuffetto…“. “Eh Giovanni – risponde Mattarella – Non vado dal barbiere neanche io quindi…”. Poi il capo dello Stato riprende a registrare il messaggio, quando a metà si interrompe nuovamente. “Oh Signore, non riesco a leggere…”, dice il presidente, scusandosi con l’operatore che sta riprendendo in video, e sottolineando che “non era mai successo“. Alla fine il presidente riprende anche bonariamente il proprio portavoce: “Giovanni per piacere… Scegli una posizione, se ti muovi io seguo e mi distraggo”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il messaggio integrale di Mattarella: “Comprendo timori per il futuro. Fare ogni sforzo perché nessuno sia lasciato indietro”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Sala: “Sperimentiamo a Milano il tracciamento digitale. Ripartenza? Niente sarà come prima, da San Siro alla metro”

next