Una ipotesi che ora, dati e date alla mano e passati ormai quasi 14 giorni, sembra una certezza. “La partita di Champions Atalanta-Valencia del 19 febbraio è stato un megafono per la diffusione del contagio da coronavirus nella bergamasca. Per seguirla, quasi 50.000 tifosi sono andati da Bergamo a Milano, stando a stretto contatto in pullman, treni, autogrill, ristoranti e pub. A dircelo è la cronobiologia degli eventi. L’esplosione dei contagi c’è stata 14 giorni dopo il match”. Una partita storica, giocata a San Siro, che aveva fatto festeggiare un’intera città, qualche giorno che si rivelasse il primo caso di Alzano Lombardo e poi tutti gli altri.

A spiegare all’Ansa cosa potrebbe aver determinato gli ampi numeri che vediamo oggi in Lombardia, è Francesco Le Foche, responsabile del Day Hospital di immunoinfettivologia, al Policlinico Umberto I Università La Sapienza di Roma. “Non ci sono dimostrazioni scientifiche che vi sia una mutazione del virus che lo rende più aggressivo e neppure ci sono prove attendibili dell’influenza del Pm10. Quello che invece possiamo dire per spiegare i numeri – prosegue l’immunologo – è che l’area intorno a Bergamo è molto industrializzata ed esposta a maggiori scambi con l’Europa. Questo altissimo tasso di contatti, anche internazionali, potrebbe aver favorito, già a inizi di gennaio, una prima diffusione del virus, preso inizialmente in scarsa considerazione in quanto quasi considerato ‘un problema cinese’è”. La circolazione del virus, conclude, “ed è stata poi enfatizzata con la partita di calcio Atalanta-Valencia. Dopo due settimane, c’è stata un aumento esplosivo del contagio. Ora passati 30 giorni, si inizia a vedere una riduzione significativa dei nuovi casi”.

Che il match potesse essere stato un amplificatore di Sars Cov2 è opinione anche di altri scienziati anche se per Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di Sanità, “in questo momento è abbastanza difficile da analizzare”. Certo è che nei giorni scorsi era stata diffusa la notizia che il 35% dei giocatori della squadra spagnola è risultata positiva. Il 1 marzo poi la squadra di Bergamo era stata ospite del Lecce. I tifosi era stati controllati, gli era stata misurata la febbre. Ma purtroppo come abbiamo imparato tutti anche gli asintomatici possono trasmettere il virus come tutti gli altri. Ed è per questo che sono scattati gli inviti prima e gli obblighi poi al distanziamento sociale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il calcio italiano sfrutta l’emergenza come scusa per ottenere adesso ciò che lo Stato non ha concesso in passato

next