Dopo l’ulteriore stretta del governo sugli spostamenti, cambia anche il modulo per l’autocertificazione dei cittadini che intendono fare spostamenti. Lo prevede una circolare inviata ai prefetti dal capo della Polizia, Franco Gabrielli: fino a ieri ci si poteva spostare nel comune di residenza, o dove si aveva una casa, in qualsiasi circostanza. Eliminata questa possibilità, scompare anche la voce corrispondente nel nuovo modello di autocertificazione: quindi, tra i motivi, restano le “comprovate esigenze lavorative”, i “motivi di salute” e la “situazione di necessità”, mentre la voce “assoluta urgenza” sostituisce quella del “rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”.

Nel nuovo modulo inoltre bisogna dichiarare il domicilio, oltre che la residenza. Nella prima parte, tra i provvedimenti di cui deve dichiarare di essere a conoscenza, ci sono anche il Dpcm del 22 marzo e l’ordinanza del ministero della Salute del 20 marzo “concernenti le limitazioni alle possibilità di spostamento delle persone” nel territorio nazionale. A differenza dei precedenti, occorre inoltre indicare da dove lo spostamento è cominciato e la destinazione. Rimangono comunque le esigenze lavorativi, i motivi di salute e la “situazione di necessità” per spostamenti all’interno dello stesso comune, come già previsto dai Dpcm dell’8 e del 9 marzo: il nuovo decreto del presidente del Consiglio, dunque, “abolisce la previsione, contenuta, nell’art. 1, comma 1, lett. a) del Dpcm 8 marzo 2020, che assicurava il rientro tout court nel luogo di domicilio, abitazione o residenza”.

>> IL PDF DEL NUOVO MODULO È SCARICABILE A QUESTO LINK <<

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il piano promesso da Zaia è impossibile: non 21mila tamponi al giorno, ma al massimo 4mila (dalla prossima settimana)

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la volontaria: “Noi in prima linea sull’ambulanza e ci compriamo le mascherine. Scusateci per le sirene, so che mettono ansia”

next