“Dopo circa 10 giorni, insieme all’Istituto superiore di sanità, abbiamo evidenziato un focolaio nella zona di Alzano Lombardo e Nembro. Abbiamo, insieme al presidente dell’Iss Brusaferro, condiviso la necessità di una zona rossa in quell’area”. Lo ha raccontato l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, in collegamento con gli studi di Sono le Venti nel corso della puntata speciale andata in onda mercoledì 18 marzo e dedicata all’emergenza in corso. Alla domanda di Peter Gomez sul perché non si sia chiusa subito la zona di Bergamo, oggi la più colpita dal contagio, l’assessore regionale ha invitato a girare la questione al premier Conte. “Brusaferro aveva inviato un documento del comitato tecnico con queste indicazioni al Governo. Abbiamo aspettato, ma la decisione del Governo non è mai arrivata”

SONO LE VENTI, il nuovo programma di Peter Gomez, è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play) e su sito www.iloft.it e app di Loft. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

Live streaming, episodi completi e clip extra su Dplay.com (http://it.dplay.com/)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Mattarella ha telefonato alle opposizioni e sentito il governo: ha chiesto collaborazione e capacità d’ascolto

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Sileri dalla quarantena: “Febbre e tosse non ci sono più, credo di esserne uscito. Rimanete a casa, così evitate contagi”

next