In tempo di pandemia c’è un solo luogo indispensabile, un solo posto di lavoro che non si può lasciare, una sola casa da presidiare: l’ospedale. I medici italiani, e con loro gli infermieri, i portantini e ogni altro addetto, si trovano ad affrontare una situazione di emergenza. E alcuni di loro, con gesti di assoluto eroismo, hanno pagato e stanno pagando con la malattia e addirittura la vita la dedizione, l’impegno.

Un vigile del fuoco sa che deve affrontare l’incendio, un medico è consapevole che la malattia dell’altro sia il destino a cui far fronte. E l’infermiere, la ferrista, la caposala sanno che il loro impegno è insostituibile.

Perciò è più doloroso vedere alcuni casi di assenteismo come quello del Cardarelli. Chi si assenta produce un danno gravissimo al collega e a chi si ammala. Diserta nel tempo in cui proprio non deve. E’ una colpa doppia, una responsabilità aggiuntiva.

La stampa, se è libera, autorevole e indipendente, ha il dovere di denunciare i fatti. E le istituzioni hanno l’obbligo di non minimizzareconfondere. Dire che è falso il dato dei 249 medici assenti al Cardarelli di Napoli è un modo per confondere e non per chiarire. 249 – secondo la denuncia del capo del Dipartimento per le emergenze dell’ospedale medesimo – sono gli operatori sanitari, e tra di essi ora sappiamo dei 33 medici a marcare visita. Forse che in corsia il medico non ha bisogno dell’infermiere?

Una stampa libera che denuncia aiuta l’ospedale a controllare. E se l’ospedale controlla, allora la lista dei furbi si accorcia e la prima linea sarà più folta, le cure più tenaci e appropriate.

Avremo tutti da guadagnarci, vero?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le verità che non ci diciamo

next
Articolo Successivo

L’Istantanea – Contabilità funeraria. Chi muore dove trova la morte?

next