Sarà una delle tante immagini che ci porteremo dietro e che resterà emblematica del periodo di emergenza per il coronavirus: una lunga fila di camion dell’esercito carichi di bare che sfilano per le strade di Bergamo. A causa dei molti decessi che si sono registrati negli ospedali bergamaschi, i feretri erano stati allocati al cimitero monumentale. Ma i forni per la cremazione, che lavorano 24 ore al giorno, non riescono a smaltire le salme. Così è stato deciso, grazie al soccorso di tanti comuni, sopratutto in Piemonte ed Emilia-Romagna, di trasferirle e cremarle altrove.

Video Facebook/Eugenio Iafrate

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, lo sfogo della figlia di una vittima nel Bergamasco: “Muoiono come cani, mio papà né vecchio né malato. Si faccia la zona rossa”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la diretta – Oltre 41mila casi, telefonata Fontana-Conte: verso misure più restrittive. Guerini: “Piena disponibilità a usare i militari”. Nasce task force di 300 medici volontari per aree più colpite

next