Sarà una delle tante immagini che ci porteremo dietro e che resterà emblematica del periodo di emergenza per il coronavirus: una lunga fila di camion dell’esercito carichi di bare che sfilano per le strade di Bergamo. A causa dei molti decessi che si sono registrati negli ospedali bergamaschi, i feretri erano stati allocati al cimitero monumentale. Ma i forni per la cremazione, che lavorano 24 ore al giorno, non riescono a smaltire le salme. Così è stato deciso, grazie al soccorso di tanti comuni, sopratutto in Piemonte ed Emilia-Romagna, di trasferirle e cremarle altrove.

Video Facebook/Eugenio Iafrate

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, lo sfogo della figlia di una vittima nel Bergamasco: “Muoiono come cani, mio papà né vecchio né malato. Si faccia la zona rossa”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la diretta – Oltre 41mila casi, telefonata Fontana-Conte: verso misure più restrittive. Guerini: “Piena disponibilità a usare i militari”. Nasce task force di 300 medici volontari per aree più colpite

next