“Non era giusto che papà morisse così. Muoiono tutti come cani. Ancora oggi la gente dice che erano vecchi, erano malati, ma lui non era né vecchio e né malato”. Così Roberta Zaninoni, figlia di Giuseppe, morto ad Alzano Lombardo positivo al coronavirus, si sfoga per quello che sta succedendo a lei e a tanti come lei nella zona di Bergamo. “In Val Seriana” racconta “ormai si sentono solo le sirene delle ambulanze e le campane che suonano a lutto. Forse la gente che non abita qui non se ne rende conto, ma nella nostra valle si muore come se fossimo in guerra”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, nel focolaio di Bergamo i medici di base senza protezioni: “Andiamo al macello”. L’ospedale: “C’è disperato bisogno di personale”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, a Bergamo la lunga fila dei mezzi dell’esercito carichi di bare: le immagini

next