“Non era giusto che papà morisse così. Muoiono tutti come cani. Ancora oggi la gente dice che erano vecchi, erano malati, ma lui non era né vecchio e né malato”. Così Roberta Zaninoni, figlia di Giuseppe, morto ad Alzano Lombardo positivo al coronavirus, si sfoga per quello che sta succedendo a lei e a tanti come lei nella zona di Bergamo. “In Val Seriana” racconta “ormai si sentono solo le sirene delle ambulanze e le campane che suonano a lutto. Forse la gente che non abita qui non se ne rende conto, ma nella nostra valle si muore come se fossimo in guerra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, nel focolaio di Bergamo i medici di base senza protezioni: “Andiamo al macello”. L’ospedale: “C’è disperato bisogno di personale”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, a Bergamo la lunga fila dei mezzi dell’esercito carichi di bare: le immagini

next