Il trend è invariato, i contagi aumentano più o meno nella stessa proporzione dei giorni scorsi: oggi la curva di crescita è del 13,35%. Ma crescono molto di più, quasi il triplo, i guariti. Nelle ultime 24 ore hanno sconfitto il coronavirus 1.084 persone. Ieri erano soltanto in 192. In totale i guariti fino a ora sono dunque 4.025. Sono i dati comunicati durante la conferenza stampa quotidiana di Angelo Borrelli, capo della Protezione civile.

Boom dei guariti – “Il numero dei guariti è veramente importante, più 37% rispetto a ieri“, ha detto Borrelli. Meno ottimista Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di Sanità: “L’andamento della curva epidemica, a livello nazionale, è in crescita e ancora una volta sono le regioni del Nord Italia le più colpite. Nelle altre aree c’è una crescita ma non così veloce, però è un elemento importante da prendere in consideraione: non deve illuderci, soltanto se tutti ci comportiamo come raccomandato si potrà rallentare la curva epidemica”.

Il record di morti in un giorno – A quasi un mese dal paziente 1 di Codogno, quindi, sono 28.710 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a martedì di 2.648. Il numero complessivo dei casi registrati finora (quindi comprese le vittime e i guariti) ha raggiunto i 35.713. Mancano, però, i numeri della Campania. “Il trend è stazionario in questa settimana”, ha sottolineato il capo della Protezione civile. La nota negativa, come ogni giorno, è data dai decessi. I morti sfiorano quota tremila: sono 2.978 con 475 le persone decedute solo nelle ultime 24 ore. E’ il numero più alto di vittime che si registra dall’inizio dell’emergenza, ma anche – purtroppo – un triste record mondiale: secondo France Presse, infatti, la Cina al massimo aveva registrato il picco di 368 decessi per coronavirus in un solo giorno.

In Lombardia 319 morti in un giorno – Trend stabile ma con un record di vittime anche nella Regione più colpita. “In Lombardia i numeri crescono tutti in maniera inferiore rispetto a ieri. Ne prendiamo atto in maniera positiva ma dobbiamo valutare poi il trend alla fine della settimana”, ha detto l’assessore al Welfare Giulio Gallera. I positivi in Lombardia sono 17.713, 1493 in più di ieri. Ma ieri questo dato era di 1.971. Di questi, 7.285 sono ospedalizzati, 332 in più rispetto a ieri. Sono 924 i pazienti in terapia intensiva, 45 in più di ieri, quando però questo numero era salito di 56 unità. Crescono purtroppo i decessi: sono 319 solo nelle ultime 24 ore, mentre ieri erano “soltanto” 202. Anche in Lombardia, come nel resto d’Italia, si tratta del dato peggiore da quando è esploso il contagio: in Regione i morti sono stati fino ad ora 1.959 in totale. A livello provinciale, va segnalato che i contagiati a Brescia crescono più di quelli Bergamo. Nel primo caso siamo a 3.785 positivi, più 484 rispetto a ieri, mentre nella provincia più colpita d’Italia – con un totale di 4.305 casi – la crescita è di 312, in linea con gli ultimi due giorni. A Lodi, la prima provincia in cui è esploso il virus, si hanno in totale 1.445 positivi, ma solo 27 casi in più in 24 ore. I comuni del Lodigiano sono stati i primi a essere messi in quarantena in Italia: le misure restrittive, almeno in quel caso, sembrano aver funzionato. A Milano, invece, ci sono 2.644 positivi, più 318 rispetto ad ieri. “Una crescita costante ma significativa”, l’ha definita Gallera, denunciando l’eccessivo movimento dei cittadini del capoluogo.

I numeri Regione per Regione – Per quanto riguarda le altre Regioni, dai dati della Protezione Civile emerge che i positivi sono 3.915 in Emilia Romagna (+511), 2.953 in Veneto (+465), 2.187 in Piemonte (+423), 1.476 nelle Marche (+174), 1.291 in Toscana (+267), 744 In Liguria (+83) 650 nel Lazio (+100), 423 in Campania (+0), 416 in Friuli Venezia Giulia (+69), 436 in Trentino (+68), 366 in provincia di Bolzano (+84), 362 in Puglia (+42), 267 in Sicilia (+41), 249 in Abruzzo (+33), 241 in Umbria (+49), 21 in Molise (+2), 132 in Sardegna (+17), 162 in Valle d’Aosta (+28), 126 in Calabria (+14), 27 in Basilicata (+7). Quanto alle vittime, dopo i quasi duemila morti della Lombardia seguono i 458 in Emilia Romagna, (+65), 94 in Veneto (+14), 154 in Piemonte (+21), 92 nelle Marche (+23), 22 in Toscana (+5), 73 in Liguria (+13), 9 in Campania (+0), 32 Lazio (+9), 31 in Friuli Venezia Giulia (+1), 19 in Puglia (+1), 9 in provincia di Bolzano (+1), 3 in Sicilia (+0), 7 in Abruzzo (+1), 2 in Umbria (+1) 3 in Valle d’Aosta (+1), 7 in Trentino (+0), uno in Calabria (+0), 2 in Sardegna (+0), uno in Molise (+0). I tamponi complessivi sono 165.541, dei quali oltre 105mila in Lombardia, Emilia Romagna e Veneto.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, gli aggiornamenti della Protezione Civile: la diretta della conferenza stampa

next
Articolo Successivo

Coronavirus, “4 contagiati nella base Nato di Sigonella: due militari italiani e due civili”

next