Il comune di Medicina e la frazione di Ganzanigo, nel Bolognese, diventano da oggi zona rossa per contenere il coronavirus. Ad annunciarlo, con un video su Facebook, è stato il sindaco Matteo Montanari. Da oggi e fino al 3 aprile aumentano le restrizioni in base all’ordinanza n. 36 del 15/3/20 della Regione Emilia-Romagna che dispone il divieto di allontanamento e di accesso per queste zone. “Dobbiamo evitare altri contagi”, dice il sindaco, ed evitarne “verso Bologna”.

La misura, per via della “crescita anomala” nell’area, è stata “dettata dalle indicazioni medico-scientifiche a tutela dei cittadini del comune, del comprensorio imolese e della Città metropolitana di Bologna, che conta un milione di persone”. È quanto si legge nell’ordinanza firmata dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, in accordo con il governo, il prefetto e il sindaco Virginio Merola. A Medicina e Ganzanigo possono dunque entrare i soli residenti ancora fuori dall’area circoscritta e chi lavora nei servizi pubblici e privati essenziali. Si tratta di alcuni servizi comunali e di quelli assistenziali e residenziali per le persone non autosufficienti, di farmacie e alimentari. Al di fuori di questi, tutte le attività commerciali, produttive e di servizio sono chiuse.

“È uno degli atti più sofferti che io abbia assunto da presidente della Regione ma le informazioni e le indicazioni che ho raccolto dai tecnici non mi hanno permesso altra scelta”. È stato il commento di Stefano Bonaccini sull’ordinanza adottata. “Da diversi giorni – spiega Bonaccini – il numero dei contagi e dei decessi a Medicina registra una crescita tale da richiedere un intervento drastico per arginare il contagio”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il prete torna medico per combattere l’emergenza: lavorerà in prima linea all’ospedale di Busto Arsizio

next
Articolo Successivo

Bergamo, esplosione in una palazzina: un morto. “Causata da una bombola di gas”

next