Ha telefonato ai carabinieri dicendo di aver ucciso i suoi familiari. Poi ha riagganciato, ha rivolto l’arma verso di sé e si è suicidato. A Beinasco, in provincia di Torino, un vigile urbano in pensione di 66 anni ha ucciso la moglie e il figlio di 29 anni a colpi di pistola. Quando le forze dell’ordine sono intervenute nell’appartamento di via Roma, alle 10:30 del mattino, hanno trovato i tre cadaveri a terra, raggiunti da “numerosi” colpi di arma da fuoco.

L’autore del gesto, Franco Necco, era molto noto in paese. Si indaga sulle cause del gesto: secondo La Stampa, che ha raccolto le testimonianze dei vicini, nessuno sospettava particolari problemi all’interno della famiglia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Brindisi, uccide la madre dopo un litigio con un coltello a serramanico: arrestato un 23enne

next