Ha telefonato ai carabinieri dicendo di aver ucciso i suoi familiari. Poi ha riagganciato, ha rivolto l’arma verso di sé e si è suicidato. A Beinasco, in provincia di Torino, un vigile urbano in pensione di 66 anni ha ucciso la moglie e il figlio di 29 anni a colpi di pistola. Quando le forze dell’ordine sono intervenute nell’appartamento di via Roma, alle 10:30 del mattino, hanno trovato i tre cadaveri a terra, raggiunti da “numerosi” colpi di arma da fuoco.

L’autore del gesto, Franco Necco, era molto noto in paese. Si indaga sulle cause del gesto: secondo La Stampa, che ha raccolto le testimonianze dei vicini, nessuno sospettava particolari problemi all’interno della famiglia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Successivo

Brindisi, uccide la madre dopo un litigio con un coltello a serramanico: arrestato un 23enne

next