Ha telefonato ai carabinieri dicendo di aver ucciso i suoi familiari. Poi ha riagganciato, ha rivolto l’arma verso di sé e si è suicidato. A Beinasco, in provincia di Torino, un vigile urbano in pensione di 66 anni ha ucciso la moglie e il figlio di 29 anni a colpi di pistola. Quando le forze dell’ordine sono intervenute nell’appartamento di via Roma, alle 10:30 del mattino, hanno trovato i tre cadaveri a terra, raggiunti da “numerosi” colpi di arma da fuoco.

L’autore del gesto, Franco Necco, era molto noto in paese. Si indaga sulle cause del gesto: secondo La Stampa, che ha raccolto le testimonianze dei vicini, nessuno sospettava particolari problemi all’interno della famiglia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Brindisi, uccide la madre dopo un litigio con un coltello a serramanico: arrestato un 23enne

next