Il Capitano Ultimo lascia l’Arma dei Carabinieri. Il colonnello Sergio De Caprio, famoso per l’arresto a Totò Riina, ha annunciato la sua decisione con un tweet: “Da carabiniere dopo 42 anni di servizio pensavo: chissà cosa dirò quando lascerò l’Arma dei Carabinieri. Poi ti ci trovi e non dici niente. In fondo ho parlato già”. Non è ancora un addio formale perché De Caprio, dopo essere stato nominato assessore all’Ambiente della Regione Calabria, è ora in aspettativa, ma tra un anno dovrà comunque lasciare la divisa per limiti d’età.

Classe ’61, De Caprio è passato dal Ros, al Noe, ai Servizi per approdare, come ultimo incarico, al Comando per la tutela della biodiversità e dei parchi dei Carabinieri forestali. Una ventina di giorni fa la neopresidente della Regione Calabria Jole Santelli lo ha nominato assessore all’Ambiente. “L’obiettivo è combattere la ‘ndrangheta e il voto di scambio: se qualcuno non vorrà fare questa battaglia, me ne andrò”, aveva detto a Famiglia Cristiana, parlando di cosa lo aspetta in Calabria. E sul pericolo di una sua strumentalizzazione ha aggiunto: “Il rischio c’è, ma le persone vanno giudicate per quello che fanno. Si tratta di scegliere se scendere nell’arena a combattere o stare alla finestra a guardare. Ho accettato questo incarico per il bene comune e per i principi di uguaglianza e fratellanza. Poi tutto può accadere. Si può sempre strumentalizzare qualsiasi cosa, ma se gli altri hanno intenzioni diverse, non dipende da me”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Gennaro Arma nominato commendatore dal presidente Mattarella

next
Articolo Successivo

Coronavirus, dalle Forze Armate ai Palazzi di Giustizia: il virus tocca anche lo Stato. Le misure per gestire l’emergenza

next