Inevitabilmente i nostri ritmi rallentano. Ci svegliamo più tardi, pranziamo più tardi. Gli orari si sono spostati in avanti.

Stamattina, durante la passeggiata, abbiamo incrociato il camioncino delle consegne a domicilio. C’eravamo solo io e i bambini in giro, l’autista (con mascherina e tuta monouso) era un perfetto sconosciuto ma ci è venuto spontaneo salutarci reciprocamente. Siamo tutti sulla stessa barca.

Mi ha chiamata anche la banca. La filiale della nostra cittadina è chiusa, ma hanno trovato una mia telefonata in segreteria e hanno voluto sapere di cosa avessi bisogno. L’efficienza.

Questa mattina siamo riusciti a prendere le mascherine chirurgiche distribuite gratuitamente alle popolazioni dei comuni della zona rossa dalla protezione civile. Promessa mantenuta.

E oggi abbiamo festeggiato in casa, in intimità, il compleanno di mio marito con una torta surgelata acquistata al supermercato: non so nemmeno se le pasticcerie di paese sono aperte. Questa è pigrizia. Ma per rendere questa giornata speciale avevamo già programmato che fosse il festeggiato a fare il regalo ai bimbi. E abbiamo giocato per ore con le nuove costruzioni.

Infine ho chiamato l’ufficio vaccini perché per lunedì 9 avevo in programma il richiamo dell’antitetanica. Chiaramente anche per loro è tutto bloccato. Dunque si rimanda.

Ho letto anche che si sta valutando la chiusura delle scuole fino a metà marzo. Solo le scuole? Che senso ha?

I bambini restano a casa, ma se i genitori devono andare a lavorare (e magari sono pure pendolari, quindi prendono i mezzi e stanno a contatto con tantissime altre persone) non rischiano ugualmente di essere contagiati e di contagiare a propria volta i ragazzi? Una beffa per chi per due settimane è rimasto in quarantena, venire “liberato” in zone dove non sono state prese le stesse precauzioni.

Dopo la forte ansia dei primi giorni della quarantena, pensavo che pian piano mi sarei tranquillizzata, che le cose si sarebbero sistemate. Invece, con il passare del tempo, mi sembra di tornare in un clima di maggiore incertezza.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Coronavirus, a Sono le Venti sul Nove l’intervista al parlamentare Guidesi bloccato a Codogno: “Il sacrificio della comunità va compensato”

next