Le scuole e le università sospenderanno l’attività didattica fino al 15 marzo. Ad annunciarlo in conferenza stampa il premier Giuseppe Conte e la ministra Lucia Azzolina. “Abbiamo aspettato il parere del comitato tecnico scientifico e abbiamo deciso prudenzialmente di sospendere le attività didattica – ha spiegato la ministra – Mi impegnerò a far sì che il servizio pubblico essenziale, seppur a distanza, venga fornito a tutti i nostri studenti”. A spiegare le motivazioni è il presidente del Consiglio che specifica: “Siamo concentrati a mettere in campo tutte le misure per ottenere un contenimento o un ritardo della diffusione del virus. Abbiamo un sistema sanitario che per quanto eccellente rischia di andare in sovraccarico, non possiamo supplire potenziandolo in breve tempo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

GFVip, Antonella Elia: “Licia Nunez sta male? Bene, sono contenta”

next
Articolo Successivo

Sono le Venti (Nove), grandi magazzini deserti e impennata di acquisti online. Federdistribuzione: “In tilt i tempi di consegna”

next