Gli hotel di Milano stanno soffrendo il calo di prenotazioni dovute ai contagi di coronavirus. “Il crollo delle prenotazioni dal 23 febbraio è del 90%” spiega Leonardo Groppelli, amministratore unico del Gran Visconti Palace di Milano. La parte congressuale, aggiunge, “è ferma e anche la spa. La situazione per gli alberghi milanesi è drammatica. Le misure che sono state prese sono importanti ma le ricadute sul sistema economico sono devastanti. Non so per quanto tempo potremo resistere mentre i costi fissi che abbiamo dobbiamo onorarli”. Stessa situazione in un altro albergo del centro di Milano, l’Hotel Cavour. “Sono sparite da un giorno all’altro il 90% delle presenze perdendo più di 20mila euro ogni giorno – dice il direttore Guido Gallia – L’altra sera abbiamo avuto solo una camera occupata ma da diversi giorni di 129 camere ne occupiamo circa 10. Serve molto di più dei soldi promessi altrimenti Milano non sarà più quella di prima”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

L’abbattimento delle Vele di Scampia non è un ‘rito liberatorio’, ma un fallimento

next
Articolo Successivo

Coronavirus, richiamati 98 pazienti del Policlinico Tor Vergata di Roma: “Contatti con poliziotto contagiato”

next